Home / SKEPTICS PILLS / QUANTISTICO: BASTA LA PAROLA!
QUANTISTICO: BASTA LA PAROLA!

QUANTISTICO: BASTA LA PAROLA!

C’è una nuova parola che sta imperversando nelle pseudoscienze, un aggettivo che, come la locomotiva di Guccini, corre lanciato contro le barriere erette dagli scettici e da tutti coloro che fino ad ora hanno accusato queste discipline di mancanza di scientificità. Un appellativo che ha improvvisamente ringalluzzito gli amanti dell’inesistente, la nuova arma segreta di tutti quelli che “io so di uno a cui è successo che…”. Questa parola è “quantistico”, oppure il suo equivalente “quantico”.

Da un po’ di tempo a questa parte fioriscono in rete i siti che parlano di pensiero quantistico, teoria quantistica dell’anima, riequilibrio quantico, programmazione neuro-quantistica, coscienza quantica, trattamenti aurico-quantici. La meccanica quantistica, ignorata da tutti i seguaci delle pseudoscienze fino a ieri, dato che neanche Raz Degan su Mistero ne aveva mai parlato, è salita improvvisamente alla ribalta come il modo perfetto per dare una veste di scienza di frontiera a cumuli di affermazioni mai provate. E quindi, così come un banale spezzatino si camuffa in un piatto di alta cucina se sopra ci mettiamo due gocce di aceto balsamico, allo stesso modo una teoria strampalata priva di qualunque riscontro nei fatti diventa una geniale e innovativa incursione ai limiti della conoscenza se ci si appiccica l’aggettivo “quantico”.

La meccanica quantistica è, in campo scientifico, la teoria nata per descrivere il comportamento della materia su scala inferiore o uguale alla scala atomica. Il mondo degli atomi e delle particelle elementari è governato dalle leggi della meccanica quantistica, che prevede l’esistenza di fenomeni che possiamo tranquillamente definire strani o addirittura incomprensibili per quella che è la nostra percezione dovuta al senso comune. Fenomeni che tuttavia avvengono realmente, e sono suffragati da quasi un secolo di esperimenti di ogni tipo. Per questo la meccanica quantistica è uno strumento potentissimo, data la sua capacità di prevedere in termini quantitativi estremamente precisi l’entità dei fenomeni che hanno a che fare con l’estremamente piccolo. E siccome quello che avviene nell’estremamente piccolo spesso ha un impatto importante anche sul mondo macroscopico, la meccanica quantistica è uno strumento indispensabile per descrivere e comprendere le proprietà della materia. Il laser, il transistor, la microelettronica e il computer, solo per fare alcuni esempi, non esisterebbero senza la meccanica quantistica, e sono stati inventati grazie ad essa. E quindi i fisici, nonostante continuino a studiare le fondamenta di questa complessa teoria, la considerano uno strumento essenziale della fisica moderna.

E i fanatici di pseudoscienza come hanno fatto a innamorarsi della meccanica quantistica? Il caso vuole che un noto fisico-matematico inglese, Roger Penrose, in collaborazione con l’anestesista statunitense Stuart Hameroff, abbia sviluppato un’ardita teoria della coscienza che invoca la meccanica quantistica per descrivere alcuni processi che avvengono nel cervello. In sintesi essi suggeriscono che la cosiddetta “intelligenza artificiale” sarebbe irrealizzabile non per la difficoltà tecnica di simulare con una macchina la complessità del cervello, ma perché i processi fondamentali alla base della coscienza seguirebbero le leggi della meccanica quantistica. Una teoria che, sebbene formulata in modo formalmente corretto dal punto di vista scientifico, non ha tuttavia trovato, per lo meno fino ad oggi, alcun riscontro sperimentale, e anzi ha ricevuto numerose critiche sostanziali.

A questo punto però questo poco importa agli amanti di certe pseudoscienze, che non hanno comunque idea di cosa sia realmente la meccanica quantistica e che in cuor loro confondono l’atomo con la cellula (tanto sono comunque piccoli!). Risvegliati dall’inaspettato accostamento “meccanica quantistica-coscienza”, hanno letto che nel mondo dei quanti possono avvenire cose strane, e questo è sufficiente per far diventare il termine “quantistico” la parola magica. Se nel mondo dei quanti un elettrone può essere simultaneamente qui e là, la stessa cosa potrà accadere anche a una persona di 90 chili, no? E se certe proprietà dei fotoni sembrano violare tutte le relazioni di causa-effetto, in qualche modo sarà pur qualcosa che ha a che fare con l’anima! E quindi se a una strampalata teoria che prima avrebbe reso sospettosi perfino Stanlio e Olio adesso gli ci si appiccica addosso l’aggettivo “quantistico”, ecco che tutti improvvisamente la guarderanno con rinnovato interesse.

Vuoi mettere la differenza tra una scontatissima “guida all’illuminazione” rispetto a una “guida quantistica all’illuminazione “? Continueranno a non avere idea di cosa voglia dire, ma saranno convinti che si tratti di qualcosa di realmente nuovo, alle frontiere della conoscenza.

E quindi per dare credibilità ai viaggi nel tempo, alle esperienze post-mortem, alla lettura nel pensiero, alla presenza in simultanea in luoghi diversi, e a tutti gli incredibili quanto inesistenti poteri sovrannaturali della mente umana è sufficiente dire che è un fenomeno previsto dalla meccanica quantistica. E a questo punto si può tranquillamente affermare a cuor leggero che l’anima non è più una semplice questione di fede ma è reale e la sua esistenza è provata dalla scienza, “perche’ lo dice la fisica quantistica”. Non è vero neanche per sogno, naturalmente, ma con la parolina magica ci si sente finalmente con le spalle protette per poter affermare praticamente qualunque cosa.

Quindi basta con le solite teorie per creduloni, così prive di fondamento, così facili da confutare: il futuro delle pseudoscienze è quantistico!

About Stefano Marcellini

Primo ricercatore dell' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Bologna, esperto in fisica delle particelle, lavora all'esperimento CMS dell'LHC al Cern di Ginevra.