< Flashmob - Giornata Antisuperstizione 2012 su Il Giorno | Archivio News | Marco Morocutti a Mattino Cinque, a proposito di rapimenti alieni >

Venerdì 17 febbraio 2012, ore 18.30 - per qualche minuto

Milano
Galleria Vittorio Emanuele

Giornata anti superstizione 2012: Flash mob a Milano!

Un insolito flashmob si svolgerà nel cuore di Milano nella Galleria Vittorio Emanuele, per la IV Giornata anti-superstizione il CICAP che coinvolgerà il pubblico presente nei pressi del “toro” porta-fortuna. Per partecipare, cercate la pagina ufficiale del CICAP su Facebook o scrivete a: lombardia@cicap.org.

Al segnale convenuto (battito di mani, suono di un fischietto o di una trombetta da stadio) tutti i partecipanti dovranno:

  • mostrare di essere vestiti di viola o di nero
  • indossare la maschera da gatto nero scaricabile dal sito http://www.cicap.org/gas/2012/maschera_gatto_nero.pdf
  • gridare all'unisono (al via di un secondo segnale): "Superstizione, non è vero e non ci credo!"
  • girarsi e guardare tutti nella stessa direzione, immobilizzandosi per qualche minuto. La direzione in cui guardare sarà data dal coordinatore del flash mob, che sarà colui che dà il segnale d'inizio.

Dopo di che il flash mob verrà sciolto, ma dato il clima carnevalesco, chi vorrà potrà continuare a indossare la maschera passeggiando normalmente.

Chi non può partecipare fisicamente all'evento può aderire ugualmente allo spirito dell'iniziativa inviandoci una sua foto con indosso la maschera!

«Il fatto è che la superstizione non è un gioco e non è affatto divertente» spiega Massimo Polidoro, Segretario Nazionale del CICAP, già docente di Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. «E' alla base del pregiudizio e della discriminazione, oltre a rendere la vita estremamente difficile a tutti coloro che credono alla jella o alla sfortuna. Credere che un oggetto, una persona o una frase abbiano il potere di procurare disastri, infatti, altro non è che una profezia che si auto avvera. Chi si crede sfortunato o jellato altera il suo comportamento e finisce così per causare proprio gli eventi che così tanto teme».