James Randi

James Hamilton Randall Zwinge nasce settimino il 7 agosto 1928 a Toronto, in Canada, e pesa solamente un chilo e 75 grammi. Nonostante questo debutto precario James, bambino timido e riservato, dimostra in fretta le sue qualità: a nove anni inventa un tostapane automatico in grado di emettere automaticamente le fette di pane quando cotte (James manderà la sua invenzione alla General Electric senza ricevere risposta; un anno dopo la stessa compagnia realizzerà il suo primo tostapane automatico); da adolescente passa gran parte del tempo libero nella biblioteca della sua città e impara da solo il calcolo infinitesimale, la trigonometria e l’interpretazione dei geroglifici egiziani. Una mente così fertile andava troppo in fretta per i programmi scolastici, così James si ritrova spesso a marinare le lezioni. Un mercoledì pomeriggio, all’età di dodici anni, capita di fronte al teatro Royal Alexandra, dove il grande illusionista Harry Blackstone stava per cominciare il suo spettacolo. Incuriosito, James compra un biglietto ed entra, sicuro che avrebbe facilmente scoperto i trucchi del mago, ma l’illusionista lo lascia a bocca aperta. Nessuno dei trucchi gli risulta comprensibile ma, uscendo dal teatro, decide che un giorno anche lui sarebbe riuscito a fare le stesse cose.

image

Scopre in biblioteca The Book of Magic, di A. Frederick Collins, un libro di giochi di prestigio semplici ma efficaci, e in seguito comincia a frequentare l’Arcade Magic & Novelty Company, un negozio per prestigiatori. Ben presto si costruisce un piccolo repertorio di giochi con cui stupisce gli amici.

Poi, a quindici anni, si verifica un altro evento che segnerà indelebilmente il suo avvenire. Affascinato da ciò che sentiva raccontare ovunque sul mondo dell’occulto, decide di partecipare insieme ad alcuni amici alle funzioni della locale chiesa spiritista. E’ un disastro. Il "sacerdote" che affermava, grazie ai suoi contatti con il mondo degli spiriti, di poter conoscere il contenuto dei messaggi sigillati dai fedeli in buste chiuse, in realtà imbroglia. James vede immediatamente in funzione uno dei classici metodi di sostituzione usati dai prestigiatori e, indignato, sale sul pulpito rivelando il trucco ai convenuti e accusando il sacerdote di essere un imbroglione. Succede un finimondo, i fedeli denunciano quel "ragazzino maleducato" e James viene arrestato per aver disturbato una funzione religiosa. Alla stazione di polizia, James giura che un giorno si batterà contro chi sfrutta l’arte che tanto ama per perpetrare squallidi inganni.

A 17 anni, James abbandona la scuola e si unisce ad un circo viaggiante. Con un turbante in testa ed una barbetta da Mefistofele, si fa chiamare Principe Ibis e presenta un numero di lettura del pensiero. Tra le altre attrazioni del circo ci sono Kong Lee, il ragazzo elettrico, e un serpente azzurro di tre metri ("In realtà", ricorderà James anni dopo, "era lungo solo un metro e ottanta, ma chi volete che stia lì a prendere le misure").

Abbandonato il circo e modificato il nome d’arte ne "Il Grande Randall", James si esibisce nei night club canadesi con un classico numero di illusionismo. Una sera, dopo uno spettacolo, un poliziotto lo sfida per scherzo a togliersi un paio di manette; James accetta ed ammanettato entra da una porta dell’auto della polizia per uscire dall’altra senza le manette ai polsi. Imbarazzato, il poliziotto lo sfida nuovamente ma, questa volta, la fuga dovrà avvenire da una cella chiusa a chiave. James stupisce tutti nuovamente ed il giorno dopo, il giornale locale titola: "L’incredibile Randi evade da una prigione del Quebec". Da quel momento, James diventerà per tutti "l’Incredibile Randi". La scelta è così sicura che James modifica anche legalmente il suo nome in James Randi.

In pochi anni, Randi diventa il più noto artista dell’evasione dopo la morte di Harry Houdini, avvenuta nel 1926. In numerose tournée in America, Europa, Asia e Giappone, Randi evade da ogni tipo di costrizione: corde, catene, manette, camice di forza, bauli e da ben 28 prigioni. Alcune sue performance fanno il giro del mondo: nel 1958, per esempio, riesce a rimanere sott’acqua, chiuso in una "bara" sigillata, per un'ora e 44 minuti (secondo gli "esperti" la riserva d’aria avrebbe potuto durare al massimo 10 minuti), superando il precedente record detenuto, nientemeno, che da Houdini. Pochi mesi dopo, supera sé stesso ripetendo l'impresa e restando nella cassa per due ore e tre minuti.

Tra il 1966 e il 1967 conduce il Randi Show, un programma radiofonico notturno per una popolare stazione radiofonica di New York.

Anche la televisione, però, si accorge di lui e ne fa un personaggio popolare negli Stati Uniti (dove, nel frattempo, ha preso la nazionalità) al punto che verrà invitato dal Presidente Ford ad esibirsi alla Casa Bianca.

In TV, oltre che ospite quasi fisso del Johhny Carson Show e di altri noti talk show, Randi conduce programmi interamente dedicati all’illusionismo, come World of Wizards e The Amazing Randi Show e interpreterà se stesso in un episodio della famosa serie di telefilm Happy Days.

image
Nel frattempo, la moda del paranormale comincia a prendere piede e, il 4 ottobre 1967, Randi è ospite del popolare Today Show della NBC a cui partecipano anche il noto sensitivo Ted Serios (noto come "l’uomo che fotografa il pensiero") e il suo mentore, il Dr. Jule Eisenbud. Durante la trasmissione, Randi spiega che Serios riesce ad ottenere le sue sorprendenti "fotografie del pensiero" perché usa, non visto, un piccolo visore per diapositive, con il quale alcuni investigatori lo avevano sorpreso poco tempo prima. Eisenbud reagisce sfidando Randi a mettere in gioco dei soldi, se era così sicuro di quanto affermava. In quel momento nasce una famosissima sfida: Randi decide di mettere a disposizione 10.000 dollari se Serios fosse riuscito ad ottenere le sue foto miracolose in condizioni di rigoroso controllo scientifico. Non solo Serios rifiutò di sottoporsi al test, ma quell’assegno, disponibile per chiunque riesca a dimostrare sotto controllo un qualunque fenomeno paranormale, si trova ancora oggi, intatto nelle tasche del suo proprietario.

I primi anni ‘70 vedono il boom del paranormale e due scienziati dello Stanford Research Institute, in California, annunciano che stanno conducendo esperimenti con un sensitivo in grado di far levitare oggetti, piegare metalli e indovinare il contenuto di buste chiuse. Il loro soggetto, Uri Geller, diventa rapidamente una celebrità, ma Randi, dopo averlo visto in azione negli uffici della rivista Time, si accorge immediatamente di trovarsi di fronte ad un abile prestigiatore e decide di agire. Il primo fiasco di Geller, infatti, si deve a Randi. Invitato alla più popolare trasmissione televisiva serale americana, The Tonight Show, Geller rimane inebetito per 22 minuti, incapace di piegare anche solo una forcina per capelli. All’insaputa di Geller, infatti, lo staff del programma aveva contattato Randi e gli aveva chiesto alcune precauzioni per evitare eventuali imbrogli da parte di Geller.

Nel 1975, insieme ad una manciata di scienziati e giornalisti, anch’essi sconcertati dalla facile accoglienza che le affermazioni di Geller avevano avuto presso il pubblico e presso alcuni scienziati, Randi fonda il CSICOP (Comitato per l’Indagine Scientifica del Presunto Paranormale) che nel corso degli anni raccoglie intorno a sé luminari come Isaac Asimov, Carl Sagan, B. F. Skinner, Stephen Jay Gould e Murray Gell-Mann. Come uomo di punta del CSICOP, Randi gira il mondo dimostrando come i fenomeni di Uri Geller sono semplicemente il frutto di destrezza di mano e di un sapiente uso della psicologia. Nel corso degli anni, Randi presenterà le sue conferenze nelle principali università di tutto il mondo (Cambridge, Cornell, Harvard, Princeton, Stanford...) e in prestigiosi centri di ricerca tra cui: 3M Labs, Academy of Sciences, American Association for the Advancement of Science, Bell Labs, CERN, Cal Tech, Fermi Lab, Goddard Space Flight Center, MIT, NASA, National Institute of Science & Technology...

La fama di Randi come competente investigatore di pseudoscienze cresce rapidamente e numerosi miracoli si sbriciolano sotto il suo occhio indagatore: guaritori filippini, veggenti, medium, astrologi, rabdomanti... nessuno riesce a superare la più semplice prova quando le elementari regole del metodo scientifico vengono messe in pratica da Randi e dagli scienziati del CSICOP.

Nel 1978 Piero Angela realizza i suoi celebri documentari dedicati alla "Indagine critica della Parapsicologia", e vuole accanto a sé James Randi. In seguito al programma, numerosi sensitivi dichiareranno di volersi sottoporre all’esame di Randi per cercare di vincere i suoi 10.000 dollari. La RAI finanzia il progetto e si organizzano accurati esperimenti con rabdomanti, medium e sensitivi di vario tipo. Il risultato è che nessuno riesce a dimostrare di poter ottenere risultati superiori alla norma una volta che le esibizioni vengono effettuate sotto controllo. In compenso, Angela può realizzare un documentario divertente ed istruttivo.

Intanto, Randi raccoglie le sue indagini in due libri: The Magic of Uri Geller e Flim Flam! The Truth About Unicorns, Parapsychology and Other Delusions.

Nel 1983 un laboratorio di parapsicologia di St. Louis, conferma che due giovani sensitivi sono stati tenuti sotto controllo per tre anni e hanno dimostrato di possedere autentiche doti paranormali al di là di ogni dubbio. Randi, che più volte aveva offerto agli studiosi del laboratorio la sua consulenza gratuita nel disegnare esperimenti a prova di trucco, e ogni volta si era visto rispondere che il suo aiuto non era necessario, convoca una conferenza stampa. I due ragazzi, dichiara, erano due prestigiatori dilettanti che lui aveva mandato in incognito al laboratorio per dimostrare che lo scienziato non necessariamente è la persona più adatta per scoprire un imbroglione.

Lo stesso anno una stazione televisiva realizza uno speciale, Magic or Miracle, con la partecipazione di Randi il quale, tuttavia, si dichiara insoddisfatto del risultato: "L’idea dei produttori era che al pubblico non interessava essere informato sulla verità dei contenuti, così vennero presentate qua e la affermazioni totalmente prive di fondamento per sostenere le più assurde teorie pseudoscientifiche".

Uno dei più grandi successi di Randi è l’indagine condotta nella prima metà degli anni ‘80 sui cosiddetti "guaritori carismatici" (faith healers negli USA), culminata nel clamoroso smascheramento del tele-evangelista Peter Popoff. Popoff sosteneva di poter conoscere nome, cognome, indirizzo e malattia delle persone che andavano ad ascoltare i suoi sermoni, grazie ad una "linea diretta" con Dio. Randi, con l’aiuto di uno scanner per le frequenze radio, scopre che in realtà, la linea diretta di Popoff è con la moglie Elizabeth che, da dietro le quinte, suggerisce al marito le informazioni richieste (e da lei raccolte prima dell’inizio della funzione) per mezzo di un invisibile auricolare. Dopo la denuncia fatta da Randi al Tonight Show, Popoff dichiara fallimento.

Per aver messo la sua "mente brillantemente analitica a disposizione dell’indagine critica del presunto paranormale e per aver smascherato frotte di ciarlatani pseudo-scientifici", nell’agosto del 1986, la Fondazione MacArthur, una famosa organizzazione filantropica di Chicago, gli assegna il cosiddetto "premio dei geni" consistente in circa 350 milioni di lire. Randi è il primo illusionista a ricevere un simile riconoscimento, solitamente assegnato a compositori, scienziati o scrittori: "Ma Randi è un educatore", spiega il responsabile dell’organizzazione, "e può salvare più vite di molti dottori".

Il premio coglie Randi completamente di sorpresa e gli permette di espandere la sua attività senza dover ricorrere ad una nuova tournée da illusionista, come si stava preparando a fare prima di ricevere la notizia. Nel frattempo, la sua carriera di escapologista (cosi i prestigiatori definiscono gli artisti dell’evasione) giunge a un termine. Dopo aver realizzato ancora spettacolari evasioni, come la fuga da una camicia di forze mentre si trova appeso a testa in giù sulle Cascate del Niagara, nel 1987 accade un incidente. Durante le prove per un programma televisivo dedicato alla memoria di Houdini, Randi si prepara ad eseguire la famosa evasione dal bidone del latte, che molte volte in passato aveva portato in tournée, ma questa volta qualcosa va storto e si rompe una costola. Dopo quell’episodio decide di regalare tutta la sua attrezzatura ad un giovane escapologista canadese, Dean Gunnarson, indicato da Randi come suo successore nell’arte dell’evasione.

Il mondo del paranormale richiama ormai tutte le sue energie e, nel marzo del 1988, organizza una colossale beffa ai danni dei media australiani, pronti a pubblicizzare qualsiasi "channeler" (il nome dato negli USA ai nuovi medium) visiti il loro paese. Dopo aver creato dal nulla un perfetto channeler, Carlos, in realtà il suo amico José Alvarez, Randi invia a giornali e televisioni australiane materiale promozionale su Carlos e un suo libro di "insegnamenti". In breve, Carlos viene invitato in Australia e, solo dopo essere riuscito a raccogliere una folla di curiosi all’Opera House di Sidney grazie alla pubblicità gratuita regalata dai media all’evento, Randi rivela di aver orchestrato ogni cosa per dimostrare come chiunque, con un po’ di fantasia, possa diventare un perfetto channeler e arricchirsi in breve tempo.

In aprile, viene invitato insieme ad alcuni rappresentanti del CSICOP in Cina a condurre un indagine sui bambini che affermano di poter leggere attraverso l’epidermide (si riveleranno dei furbi imbroglioni) e sulle pretese capacità curative dell’antica tecnica Qi Gong (una nuova delusione).

In luglio la famosa rivista scientifica Nature invia un gruppo di investigatori formato da John Maddox, direttore della rivista, Walter Stewart, investigatore dell’Istituto Nazionale della Sanità americano, e James Randi ad indagare sugli esperimenti relativi alla cosiddetta "acqua con la memoria". Jacques Benveniste, il ricercatore responsabile della "scoperta", sostiene che l’acqua è in grado di "conservare la memoria" di alcune molecole di sostanze con cui è precedentemente venuta in contatto. Se confermate, queste teorie rappresenterebbero una solida base per l’omeopatia. Tuttavia, dopo aver ideato una serie di esperimenti a doppio cieco a prova di frode, il fenomeno non si verifica più e il terzetto conclude che: "L’ipotesi che l’acqua possa conservare il ricordo di precedenti soluti (con cui è venuta in contatto) è superflua e fantasiosa". La partecipazione di Randi all’indagine dimostra, ancora una volta, la sua peculiare abilità nel progettare esperimenti a prova di inganno non solo per veggenti e sensitivi ma anche per clamorose affermazioni pseudoscientifiche.

Le sue indagini in giro per il mondo lo portano spesso ad essere al centro di trasmissioni televisive a lui dedicate, come James Randi in Australia, James Randi in Budapest e il giapponese Superman.

Nuovi riconoscimenti si accumulano sui suoi scaffali: il Consiglio Nazionale Contro le Frodi alla Salute gli assegna il premio nazionale Servizio Consumatori; la Società Americana di Fisica gli riconosce il Forum Award per la sua "unica difesa della scienza e del metodo scientifico contro le pseudoscienze, frodi e ciarlatani" e il Premio Nobel Murray Gell-Mann propone che a Randi venga assegnata una laurea honoris-causa in fisica.

Poi, nel 1989, Uri Geller inizia una lunga battaglia legale ai danni di Randi e dello CSICOP; chiede miliardi di risarcimento perché sostiene di essere stato diffamato, ma con il passare del tempo appare chiaro che si tratta di una manovra per bloccare l’efficace opera di indagine seria del paranormale e di smascheramento di ciarlatani fatta da Randi e dal Comitato in tanti anni di lavoro. Le spese legali prosciugano gran parte delle sue risorse, ma Randi continua la sua battaglia e le sue indagini lo portano continuamente in giro per il mondo. Quell’anno realizza un nuovo speciale televisivo di indagini nel paranormale: Exploring Psychic Powers: Live! nel corso del quale il premio di 10.000 dollari viene alzato a 100.000. In autunno viene invitato in Giappone per esaminare le pretese affermazioni di un individuo, Mr. Majic, che ottiene un grande successo presentando comuni giochi di prestigio con monete, sigarette, ma anche piegamenti di metalli e spostamento di oggetti a distanza come frutto di autentici poteri paranormali. Si rivelerà ciò che sembrava: un buon prestigiatore e niente più.

Nel 1990 attenti studi in Francia consentono a Randi di terminare il suo libro The Mask of Nostradamus, la prima biografia scettica del famoso veggente del XVI secolo.

Nel 1991 è in Germania per esaminare la presunta abilità dei rabdomanti di individuare gli improbabili "raggi E", misteriose radiazioni responsabili, si dice, di malesseri di vario tipo (compreso il cancro). Nessuno strumento può individuare i raggi ‘E’, sostengono i rabdomanti; ciò, invece, è possibile solo grazie alla loro speciale "sensibilità". Trenta rabdomanti si sottopongono ad una serie di esperimenti, ma nessuno riesce a dimostrare nemmeno di poter individuare due volte lo stesso punto di terra sotto cui sostengono trovarsi dell’acqua. Nello stesso anno Randi conduce una serie televisiva in Inghilterra - da cui verrà tratto anche un libro - nella quale esamina i presunti poteri paranormali di veggenti, astrologi, rabdomanti, grafologi, spiritisti e guaritori.

Nel 1992 Randi è impegnato nella realizzazione di un’enciclopedia illustrata dedicata al mondo dell’illusionismo e dei prestigiatori. Nel 1993, in occasione di un documentario sulla sua attività, realizzato dalla televisione pubblica americana, Randi arriva in Russia, su invito di alcune autorità scientifiche locali, per esaminare le pretese abilità paranormali di famosi sensitivi sovietici. Il risultato è sempre lo stesso: i sostenitori dell’acqua terapeutica ("caricata di energia paranormale"), per esempio, trovano ogni tipo di razionalizzazione per spiegare l’impossibilità di distinguerla da acqua normale; oppure, due signore di mezza età che affermano di poter "sentire" la vita di una persona, semplicemente osservandone la fotografia, danno un ritratto altamente positivo del pluri-omicida Ted Bundy del quale ignorano l’identità.

Attualmente, è appena uscito negli USA l’ultimo sforzo editoriale di Randi: The Encyclopedia of the Supernatural and the Occult, un massiccio librone illustrato di 600 pagine su definizioni, origini e terminologie utilizzate da occultisti, parapsicologi e sensitivi.

Randi vive ormai da diversi anni a Fort Lauderdale, in Florida, dopo essersi deciso ad abbandonare il clima più rigido del New Jersey, che per molto tempo lo aveva ospitato. Qui, immersa nel verde rigoglioso del suo giardino, è la sua casa ricca, all’interno, di libri, videocassette, maschere africane e sud americane, orologi che girano all’incontrario, teschi di animali esotici e bauli di fotografie e ricordi del suo passato di illusionista. Scapolo impenitente ("Sono sempre stato un’artista della fuga"), Randi vive in compagnia di un sonnacchioso gatto rosso, di alcuni rumorosi pappagalli e, fino a qualche anno fa, di un grosso ragno, spaventoso ma del tutto innocuo, che scorazzava libero per casa. Quando si è finalmente deciso a liberarsi del ragno, i suoi amici hanno ripreso a fargli visita nelle rare occasioni in cui non si trova in giro per il mondo.

Nasce la Fondazione James Randi

I nostri lettori ricorderanno che lo scorso anno, lo Csicop, il comitato italiano cui si ispira il Cicap, aveva finalmente aperto un imponente Centro di ricerca costato circa 7 miliardi di lire, capitale interamente raccolto grazie ai contributi dei sostenitori del Comitato. Ora è il turno di James Randi, il più noto investigatore scettico del paranormale (vedi S&P n. 6).

Come saprete il sedicente sensitivo Uri Geller aveva lanciato contro Randi, negli ultimi sei anni, una serie di azioni legali nel tentativo, non tanto velato, di zittire il suo più tenace critico. Geller aveva perso, ma per difendersi Randi era stato costretto a spendere un patrimonio in avvocati e, per la peculiarità delle leggi americane, non aveva automaticamente diritto ad essere rimborsato da chi lo aveva ingiustamente accusato.

Quest’anno, Randi ha comunque potuto festeggiare degnamente le sue vittorie quando un filantropo, che preferisce rimanere anonimo, ha messo a disposizione del nostro una somma di denaro tale da permettergli di aprire un Centro di ricerca ed educazione a lui intestato.

E’ così nata la James Randi Educational Foundation.

La fondazione, appoggiata da un nutrito staff di scienziati e studiosi, condurrà e/o finanzierà ricerche che riguardino il paranormale, l’occulto e il soprannaturale. Organizzerà corsi e seminari su questi argomenti aperti a studenti e professori. Realizzerà al più presto una rivista, che sarà disponibile anche via Internet, ed ha già attivato alcune pagine web al seguente indirizzo: http://www.randi.org .

La fondazione ha sede a Ft. Lauderdale, in Florida, proprio dove Randi vive, ed ospita un’imponente libreria e videoteca aperta al pubblico per la consultazione.

La fondazione mira a diventare una fonte di informazioni che saranno messe a disposizione gratuitamente a tutti gli interessati. Essa, infatti, non ha fini di lucro e si reggerà esclusivamente sulle generose donazioni dei suoi sostenitori.

Randi ha tenuto a precisare che la fondazione intende collaborare con tutte le organizzazioni simili già esistenti nel mondo: «Cercheremo un coinvolgimento attivo con questi gruppi», ha spiegato, «ed offriremo loro tutto il nostro appoggio. Dobbiamo lottare uniti contro la pseudoscienza, la superstizione e la disinformazione. Conto di usare questa grande opportunità che mi è stata offerta non solo per educare il pubblico, ma anche per ricordare a tutti noi che avremo successo solo se lavoreremo insieme».

James Randi ha già contattato alcuni componenti del Cicap in vista di un loro attivo coinvolgimento nella fondazione.

Randi su carta

James Randi ha scritto 10 libri in 20 anni, molti dei quali sono stati stampati in diverse lingue, oltre all’inglese, tra cui: spagnolo, francese, cinese, coreano e norvegese.

  • The Magic of Uri Geller (Ballantine, 1975; ristampato come: The Truth about Uri Geller (Prometheus Books, Buffalo, NY 1982).
  • Houdini: His Life & Art (Grosset & Dunlap, New York, 1978 - co-autore con B. R. Sugar).
  • Flim Flam! - The Truth about Unicorns, Parapychology & Other Delusions (Harper & Row, NY 1980; ristampa: Prometheus Books, 1982) - edizione italiana: Fandonie - Flim-Flam! (Roma: Avverbi, 1999).
  • Test Your ESP Potential (Dover, 1983).
  • The Faith Healers (Promethus Books, 1987).
  • The Magic Worl of the Amazing Randi (Bob Adams Publishing, Boston, 1989).
  • The Mask of Nostradamus (Charles Scribner’s, NY, 1990).
  • James Randi: Psychic Investigator (Boxtree, Londra 1991).
  • Conjuring (St. Martin’s Press, NY, 1992).
  • The Encyclopedia of Supernatural and the Occult (St. Martin’s Press, NY, 1994).

Attualmente, Randi sta lavorando a Wrong!, uno studio di tutti quegli eventi disastrosi verificatisi nella storia a causa di ignoranza umana, pregiudizi, calcoli errati o stupidità.

Oltre a questi libri, Randi ha contribuito ad altri titoli, tra cui:

  • Abell, George O. & Singer, Barry (ed.) Science and the Paranormal (Charles Scribner’s Sons, NY, 1981): "Science and the Chimera" pp. 209-222.
  • Kurtz, Paul (ed.) A Skeptic’s Handbook of Parapsychology (Promethus Books, Buffalo, 1985): "The Role of Conjurers in Psi Research" pp. 339-356.

Suoi articoli e definizioni compaiono all’interno della Encyclopedia Americana e della Encyclopaedia Britannica Medical & Health Annual ("The Healing Touch: Gift or Gimmick?").

Randi ha scritto centinaia di articoli per numerosi periodici e quotidani tra cui: Discovery, Experientia, Free Inquiry, The Humanist, Los Angeles Times, Nature, New Scientist, New York Times, Omni, Phisycs and Society, La Recherche, Science et Vie, Skeptical Inquirer, Skeptic, Technology Review e Time. Impossibile segnalarli tutti, ma tra questi vogliamo ricordarne alcuni particolarmente significativi:

  • The Psychology of Conjuring (in: Technology Review, Januray, 1978).
  • Un esempio di mistificazione (in: Scienza e Mistero, Sansoni Editore, Firenze, 1979).
  • The Project Alpha Experiment: Part 1. The First Two Years (in: Skeptica Inquirer, Summer 1983).
  • The Project Alpha Experiment: Part 2. Beyond the Laboratory (in: Skeptica Inquirer, Fall 1983).
  • Peter Popoff Reaches Heaven via 39.17 Megahertz (in Free Inquiry, vol. 6/3, Summer 1986).
  • ‘High-Dilution’ Experiments a Delusion (con John Maddox e Walter W. Stewart, in: Nature, 334:287-290, July 28, 1988).
  • The Detection of Fraud and Fakery (in: Experientia, vol. 44/4, 1988).
  • Help Stamp Out Absurd Beliefs (in: Time, April 13, 1992).

Randi ha esplorato anche la narrativa con due racconti di fantascienza, il primo, "Lesson One", pubblicato dalla rivista Omni (January, 1980) e il secondo, "Dear Editor", dalla rivista Destinies (1981).
E’ di Randi, inoltre, il libretto tirato in poche decine di copie e contenente gli "insegnamenti" del falso channeler Carlos: The Teachings of Carlos (1988).
James Randi collabora stabilmente con x e tiene una rubrica fissa sulla rivista americana Skeptic (a partire dal n. 4, vol. 2, 1994).
Molti riferimenti al lavoro di Randi, in particolare relativamente al sedicente sensitivo Uri Geller, sono contenuti nell’imperdibile:
Angela, Piero Viaggio nel mondo del paranormale (Garzanti, 1978).

Potete facilmente ottenere alcuni libri di Randi scrivendo a: Prometheus Books, P.O. Box 703, Buffalo, NY 14226-0703, USA. Tel.: (716) 636-1425. FAX: 716-636-1733.

Il CSICOP (Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal) e la sua rivista The Skeptical Inquirer, sono raggiungibili scrivendo a: CSICOP, P.O. Box 703, Buffalo, NY 14226-0703, USA.

La rivista Skeptic si può richiedere scrivendo a: Skeptic Society, 2761 N. Marengo Ave., Altadena, CA 91001.



(Testo: novembre 1995)