Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) è un'organizzazione scientifica e pedagogica che promuove un'indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze.


Indagine sulla Vibhuti - I risultati

Da un'osservazione preliminare in microscopia ottica è emerso che la Vibuthi non è una sostanza semplice ma è di tipo composito, essendo costituita da una miscela di granuli incolori (e trasparenti) e da granuli bianchi, accompagnati da particelle di colore scuro che, nell'insieme, conferiscono la colorazione grigia alla polvere.

La morfologia dei granuli, le proprietà ottiche esibite in luce polarizzata e la tipologia delle numerose fratture osservate, suggeriscono fortemente una natura cristallina del materiale, il che ha guidato nella scelta di più raffinati metodi d'indagine, particolarmente adatti per analisi di materiali cristallini (che, guarda un po', in Natura costituiscono la gran parte di tutta la materia solida esistente).

Vediamo ora i dettagli delle singole tecniche analitiche impiegate: la diffrattometria a raggi X, la microscopia elettronica e l'analisi chimica in microsonda.

Diffrattometria a raggi X

Un certo quantitativo di sostanza, pari a pochi milligrammi, è stato sottoposto ad analisi mediante diffrattometria a raggi X, su polveri.

Le righe in colore nello spettro risultante (vedi figura sopra) indicano, in posizione e intensità relativa, i picchi di diffrazione caratteristici di tre fasi cristalline, così come contenuti in appositi data base. Si è in tal modo constatata la presenza di quarzo, albite (plagioclasio) e microclino (K-feldspato).

L'elevato fondo nella regione a basso angolo dello spettro (20-25°) mostra pure la presenza di una certa quantità di materiale amorfo (non cristallino) o, comunque, mal cristallizzato.

In Natura, l'associazione dei tre minerali citati (gli ultimi due appartengono alla famiglia dei feldspati) è comune a moltissimi tipi di rocce come, ad esempio, i graniti.

Microscopia elettronica

Alcuni granuli della Vibuthi sono stati osservati al microscopio elettronico in trasmissione (Philips, modello CM12, operante a 120 KV).

Il microscopio ha confermato la presenza delle fasi minerali già osservate ai raggi X; ha inoltre permesso di ottenere nuove informazioni riguardo la loro origine e di identificare la presenza di altri minerali minoritari, in concentrazione troppo bassa per l'osservazione ai raggi X.

Le indagini in microscopia sono state concentrate in particolare sui feldspati (plagioclasio e microclino). Il quarzo non presentava invece caratteristiche di particolare interesse, che richiedessero ulteriori analisi oltre a quella diffrattometrica.

Questa immagine mostra la figura di diffrazione elettronica di un granulo di K-feldspato (microclino), orientato secondo l'asse di zona [102]: la forma a croce degli spot di diffrazione è prodotta dal particolare tipo di geminazione caratteristica del minerale cristallizzato, in Natura, da un magma ad alta temperatura e raffreddato molto lentamente (milioni di anni) in seno a un corpo roccioso di tipo intrusivo.

Questa immagine è una stampa in positivo di una diffrazione prodotta dal K-feldspato, orientato secondo un diverso asse di zona. la forma a croce degli spot diffratti è qui particolarmente ben visibile. Lo spot più grande, al centro della foto, è l'immagine del fascio diretto.

Questa fotografia è un'immagine in campo scuro del K-feldspato e, precisamente, della zona che ha prodotto la diffrazione della foto precedente. La foto mostra un'area di circa 2 decimilionesimi di millimetro quadrato (380000 ingrandimenti) ove sono visibili due serie di lamelle, approssimativamente ortogonali, che costituiscono gli individui geminati.

La morfologia e la scala di questo particolare tipo di geminazione è molto comune in Natura: K-feldspato (microclino) con queste caratteristiche è uno dei costituenti fondamentali di molte rocce magmatiche come, ad esempio, i graniti.

Ma, non è tutto! La strana somiglianza della Vibuthi con materiali molto comuni, e di origine assolutamente naturale, emerge pure in altre caratteristiche...

L'Alterazione del microclino

Questa immagine (ancora K-feldspato) mostra, sulla sinistra, la geminazione polisintetica e, sulla destra, un'area grigia con un bordo esterno arrotondato (il bordo esterno è quello affacciato sulla zona scura). L'area grigia, la cui luminosità non dipende dall'orientazione specifica del granulo, è chiaramente amorfa (non cristallina). Molti altri granuli osservati nella Vibuthi presentano le stesse caratteristiche, relativamente alle zone di bordo.

In Natura, caratteristiche identiche sono osservate in quei feldspati potassici che sono stati alterati dall'azione dell'acqua. L'alterazione procede con la formazione preventiva di materiale amorfo, seguita dalla ricristallizzazione di minerali del gruppo delle argille.

I granuli di plagioclasio (feldspato sodico-calcico) mostrano un'alterazione leggermente differente come visibile in questa fotografia (in campo chiaro, 300000 ingrandimenti):

Nella zona a sinistra, più scura, è visibile il feldspato con la sua tipica geminazione (evidenziata dalla presenza di lamelle); nella zona a destra sono visibili frange irregolari, ortogonali al bordo del cristallo, aventi spaziatura media di 15 milionesimi di millimetro. Tali frange sono tracce di piani reticolari di una fase proto-cristallina (quindi non completamente amorfa, come nel caso dei K-feldspati), che, almeno in Natura, precede la formazione di argille.

Le analisi chimiche con microsonda elettronica confermano pienamente la diagnosi di alterazione dei granuli di K-feldspato nella Vibuthi: Precisamente, la composizione del microclino, nelle zone non alterate, è quella di un K-feldspato puro; passando invece nelle parti alterate (amorfe) si osserva la repentina scomparsa del potassio e l'ingresso di ferro.

L'analisi in microsonda, accompagnata dalla diffrazione elettronica ha inoltre permesso di identificare un gran numero di altre fasi minerali, presenti in traccia, come silice amorfa, granati, biotiti, orneblenda, smectiti, illiti... In Natura, un così vasto assortimento di minerali si può riscontrare in depositi fluviali sabbiosi, prodotti dallo smantellamento di corpi rocciosi, ad opera dell'acqua.

Conclusioni

Purtroppo, come emerge da quanto presentato, le analisi effettuate, per quanto sofisticate, non hanno fornito risultati strani, inattesi o inesplicabili, come si converrebbe a una sostanza materializzata dal nulla!

Esaminando nel loro insieme i dati ottenuti, uno scienziato all'oscuro di quanto sostenuto da Sai Baba a proposito della Vibuthi, concluderebbe facilmente per un'origine molto naturale della sostanza: un sedimento clastico, probabilmente di origine fluviale, piuttosto composito sia dal punto di vista mineralogico, sia dal punto di vista chimico, prodotto da un'avanzata erosione e alterazione di rocce magmatico-intrusive e acide, come i graniti.

In una parola: terriccio, forse raccolto sulla riva di qualche fiume e senza il ricorso a strabilianti poteri paranormali!

Dr. Mauro Prencipe
Dip. Scienze Mineralogiche e Petrologiche
Università di Torino

Glossario

Albite: minerale molto comune in vari tipi di rocce tra cui i graniti. Formula chimica NaAlSi3O8. Appartiene alla famiglia dei feldspati.

Feldspati: allumino-silicati tra i più abbondanti nelle rocce della crosta terrestre. La famiglia dei feldspati comprende termini come il K-feldspato (KAlSi3O8), l'albite (NaAlSi3O8), l'anortite (CaAl2Si2O8) e le loro possibili soluzioni solide; abbiamo così i feldspati alcalini di formula (Na, K)AlSi3O8 e i plagioclasi di formula (Cax, Na1-x)Al1+xSi3-xO8, dove x è un numero minore di 1.

Geminato: le sostanze cristalline possono dar luogo a geminati, cioè ad associazioni di più cristalli, che condividono qualche elemento morfologico (facce o spigoli), ciascun individuo essendo orientato, nello spazio, in modo diverso dagli altri. La geminazione può aversi sia nella fase di crescita di una fase cristallina, sia a seguito di trasformazioni che detta fase può subire, nel tempo, dovute a variazioni termiche o bariche (di pressione). Nel caso dei feldspati, la geminazione è comunemente dovuta alle trasformazioni indotte nel cristallo sottoposto a raffreddamenti molto lenti.

Granito: roccia magmatica acida (cioè ricca di silice) di tipo intrusivo, composta prevalentemente da quarzo, plagioclasio, K-feldspato e minerali femici (in generale, scuri, come la biotite).

Intrusivo: aggettivo riferito a corpi rocciosi di origine magmatica, raffreddati in condizioni subcrostali (ad una certa profondità entro la crosta terrestre). In tali condizioni di isolamento termico, il magma si raffredda piuttosto lentamente, dando modo ai minerali che si formano di cristallizzare completamente e di raggiungere dimensioni macroscopiche. Opposte caratteristiche mostrano invece le rocce di tipo effusivo (vulcaniche) che, raffreddandosi velocemente, sono molto spesso caratterizzate da una matrice amorfa (non cristallina), con cristalli inclusi di dimensione molto piccola.

Microclino: così come l'albite, appartiene alla famiglia dei feldspati, ma ha formula KAlSi3O8 (K-feldspato). Il termine microclino è usato per indicare uno specifica fase cristallina del K-feldspato e, precisamente, quella a simmetria triclina. Il termine ortoclasio viene invece utilizzato per indicare il K-feldspato monoclino. In Natura, i K-feldspati triclini sono solitamente di origine plutonica (intrusiva), a differenza di quelli presenti nelle rocce effusive (vulcaniche).

Quarzo: fase della silice (SiO2) comune in molti tipi di rocce. Nelle rocce magmatiche intrusive di tipo acido (sovrassature o sature in silice), il quarzo è la fase della silice solitamente presente. Nelle rocce effusive (vulcaniche), invece, si riscontrano normalmente fasi di più alta temperatura (cristobalite o tridimite).

Raggi X: radiazione elettromagnetica a lunghezza d'onda molto corta (ordine di grandezza: 0.1 nm, essendo 1 nm - nanometro - pari a 1 milionesimo di millimetro). La lunghezza d'onda di tale radiazione è confrontabile con le distanze interatomiche, quindi è adatta per studi in diffrazione.



Indagini locali
Scopri le indagini che abbiamo fatto in terra piemontese:


Indagini extra-regione
Scopri le indagini di più ampio respiro che abbiamo condotto in questi anni:


X-files
Scopri i casi in attesa di un investigatore del mistero:


I nostri eventi:
Leggi i resoconti di alcuni nostri eventi:

Convegni
Scopri i convegni organizzati dal CICAP Piemonte:


Il Progetto Scuole
Le conferenze che proponiamo alle scuole:


Scienza & misteri


L'archivio stampa
Consulta l'archivio di articoli curata da Andrea Proietti Lupi:


Le nostre interviste
Leggi le interviste ad alcuni amici del CICAP Piemonte:


© 2004-2014 CICAP Piemonte · Webmaster: Sergio Chiappino