Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) è un'organizzazione scientifica e pedagogica che promuove un'indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze.


Crop Circles 2005 :: Corda e una tavola di legno così si disegna

"Il mattino" del 23 luglio 2005

Intervista al fisico Stefano Bagnasco

Corda e una tavola di legno così si disegna tra le spighe

Nessuna tecnologia aliena, con i miei studenti ho smontato le teorie paranormali

«Fare i cerchi nel grano? Non è certo poi così difficile: basta un po' di corda e una tavola di legno». Parola di Stefano Bagnasco, fisico dell'Istituto nazionale di fisica nucleare e socio del Cicap, il Comitato di controllo sulle affermazioni del paranormale. In una notte di luglio, Bagnasco e alcuni colleghi, tra cui Francesco Grassi (uno dei massimi esperti su questo fenomeno), hanno realizzato in un campo piemontese nei pressi di Alba un cerchio quasi perfetto. Perché quasi perfetto? «Beh, non abbiamo ancora la pratica raggiunta dai "circle makers" inglesi, che sono i maestri in materia. Furono due pensionati inglesi del resto a dare il via a tutta questa storia, iniziando a disegnare i cerchi nei campi vicino alla loro città. E poi il nostro obiettivo era dimostrare a un gruppo di studenti del ”IV corso di indagine scientifica del presunto paranormale” che non bisogna ricorrere a Ufo o a strani fenomeni elettromagnetici per spiegare questi disegni». E il risultato è stato soddisfacente? «Sicuramente: la foto dall'alto mostra un ottimo cerchio, simile a quelli inglesi. Lo abbiamo realizzato in circa quattro ore, ma in media ci si mette la metà del tempo. Il nostro intento era didattico, quindi ce la siamo presa con calma e abbiamo ripetuto molte operazioni per spiegare a tutti come si faceva». Servono macchinari complicati? «Assolutamente no, basta un po' di corda e tavole di legno di circa un metro. Una persona si mette al centro e funge da perno. Le spighe si piegano senza spezzarsi». Insomma niente forze elettromagnetiche o Ufo per spiegare questi fenomeni? «Noi abbiamo dimostrato che questi cerchi si possono realizzare senza fare ricorso a tecnologie aliene o senza scomodare fenomeni naturali misteriosi. Naturalmente, non abbiamo esaminato tutti i cerchi comparsi in altre regioni italiane o in Inghilterra e non sappiamo se sono stati fatti con la stessa tecnica. Però ora sta ai sostenitori dell'ipotesi "origine misteriosa" dare una spiegazione convincente del fenomeno». Si parla molto di studi che hanno dimostrato la presenza di valori elettromagnetici anormali all'interno dei cerchi… «In effetti i sostenitori dell'ipotesi "misteriosa" portano a esempio i lavori di Eltjo Haselhoff, un fisico olandese, che è riuscito a pubblicare su una rivista scientifica un articolo nel quale evidenzia alcune anomalie. Studi successivi condotti dal Cicap hanno però smentito in modo assoluto quanto trovato dal ricercatore olandese». Non esiste proprio nessun fenomeno naturale che si avvicina ai cerchi del grano? «L'unica cosa simile si ha quando un temporale o un vento forte piegano senza spezzare alcune spighe. Volando a bassa quota con un aereo da turismo abbiamo visto molte spighe piegate nei campi a causa di questi eventi atmosferici. Ovviamente però il disegno era del tutto irregolare e non aveva niente a che fare con i cerchi "artistici" realizzati nel grano».

f.u.



Indagini locali
Scopri le indagini che abbiamo fatto in terra piemontese:


Indagini extra-regione
Scopri le indagini di più ampio respiro che abbiamo condotto in questi anni:


X-files
Scopri i casi in attesa di un investigatore del mistero:


Il Progetto Scuole
Le conferenze che proponiamo alle scuole:


Scienza & misteri


L'archivio stampa
Consulta l'archivio di articoli curata da Ivo Maistrelli:


Le nostre interviste
Leggi le interviste ad alcuni amici del CICAP Piemonte:


© 2004-2019 CICAP Piemonte · Webmaster: Sergio Chiappino - Trattamento dei dati personali