Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) è un'organizzazione scientifica e pedagogica che promuove un'indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze.


Ultime notizie

Trovati pesci del Mesozoico vivi

Che sotto l'Antartide esistano laghi a profondità di migliaia di metri è ormai risaputo. In particolare, il lago Vostok (scoperto nel 1994 e situato in prossimità dell'omonima base russa) è da tempo oggetto di studi da parte di team internazionali di ricercatori. Finora si era sempre evitato di trivellare lo spesso strato di ghiaccio che lo ricopre a causa dell'altissima differenza di pressione con la superficie (stimata nell'ordine di centinaia di atmosfere), che potrebbe causare esplosioni e altri pericolosi e imprevedibili fenomeni. (http://it.wikipedia.org/wiki/Lago_Vostok).

Nello scorso mese di febbraio, tuttavia, durante un sondaggio della coltre di ghiaccio e a seguito di un errore non meglio specificato, è stata raggiunta la superficie di un lago minore adiacente. Il getto d'acqua dolce ad alta pressione che si è generato ha portato in superficie numerosi esemplari di pesci preistorici.
La notizia, di per sé sorprendente, risulta tuttavia confermata dall'autorevole professore americano di origine tedesca Klaus Von Shepherd, biologo marino presso l'Acquario di Monterey in California, che si trovava nella zona per eseguire alcuni rilievi scientifici. Il professor Von Shepherd è garante scientifico dello CSI (Committee for Skeptical Inquiry, ex CSICOP), per cui la sua testimonianza risulta essere certamente attendibile.
Il professor Von Shepherd, contattato dall'European Council of Skeptical Organizations, ha rilasciato la seguente dichiarazione (gentilmente tradotta dall'interprete Jack Mullet):

Mi trovavo in prossimità della base di Vostok in compagnia della mia collega, la professoressa Brigitte Halena, a effettuare dei rilievi indispensabili per un articolo scientifico che stiamo preparando insieme, quando la nostra attenzione è stata attirata da un fortissimo sibilo simile a quello di un aereo supersonico. A poche centinaia di metri da noi stava lavorando una squadra di ricercatori russi intenta a prelevare carote di ghiaccio per uno studio di paleoclimatologia: dal loro campo è partito un violentissimo getto paragonabile, per potenza, a quello del geyser “Old Faithful” del parco di Yellowstone; la colonna d'acqua ad alta pressione ha raggiunto un'altezza di varie decine di metri. Tra lo stupore dei presenti, abbiamo notato delle sagome scure venire proiettate verso il cielo ed esplodere in quota, dando vita a una sorta di spettacolo pirotecnico. Siamo quindi stati investiti da quel che a prima vista sembrava essere materiale organico. Dopo aver recuperato una sufficiente compostezza abbiamo infatti constatato che si trattava proprio di resti di pesci; i quali, presumibilmente adattatisi alla notevole profondità del lago (circa 5000 metri) e sottoposti alla rapidissima decompressione conseguita alla perforazione della calotta dello stesso, si sono disintegrati in quota. Un ricercatore russo è riuscito a raccoglierne alcuni esemplari rimasti miracolosamente intatti (uno di questi è visibile nelle fotografie presenti sul sito newz.ru), che sono attualmente allo studio di una équipe di scienziati e naturalisti dell'università russa di Peshkovo, coordinata dalla dottoressa Dijna Sahr.
Io e la professoressa B. Halena siamo entusiasti di aver potuto assistere a questo straordinario evento, grazie al quale abbiamo potuto osservare direttamente il celebre pesce del mesozoico - meglio conosciuto come Archeopiscis Apriliensis - di cui finora si erano potuti studiare solo pochissimi resti fossili. Tutto questo per l'errore dei ricercatori russi, presumibilmente dettato dalla fretta di completare i rilievi prima dell'arrivo della stagione fredda antartica; fretta che, unitamente al fenomeno del surriscaldamento globale, li ha inevitabilmente portati a sopravvalutare lo spessore della calotta di ghiaccio del lago”.

Noi del CICAP Piemonte, grazie all'aiuto della nostra collaboratrice Adele Crippesi, recentemente trasferitasi a Torino da Pescara e già studentessa presso l'Università di California, stiamo cercando di garantirci la partecipazione del professor Von Shepherd (suo ex docente) in occasione del prossimo ciclo di conferenze “Mysteri al Mausoleo” 2010. Ci riserviamo di fornire informazioni più dettagliate non appena possibile.

Notizia pubblicata il 01/04/2010

Torna alla home :: Vedi tutte le news



Indagini locali
Scopri le indagini che abbiamo fatto in terra piemontese:


Indagini extra-regione
Scopri le indagini di più ampio respiro che abbiamo condotto in questi anni:


X-files
Scopri i casi in attesa di un investigatore del mistero:


Il Progetto Scuole
Le conferenze che proponiamo alle scuole:


Scienza & misteri


L'archivio stampa
Consulta l'archivio di articoli curata da Ivo Maistrelli:


Le nostre interviste
Leggi le interviste ad alcuni amici del CICAP Piemonte:


© 2004-2017 CICAP Piemonte · Webmaster: Sergio Chiappino - Trattamento dei dati personali