Logo Cicap
 
ENCICLOPEDIA

Licantropia

Invia
Invia
facebook
di Armando De Vincentiis
18-11-2000

Le storie sulla licantropia hanno origini remotissime, già in un passo della Bibbia si narra della vicenda del re Nabucodonosor, il quale, a causa della sua vanità, fu trasformato in una specie di lupo e assunse un comportamento animale. Non è certa la fonte dalla quale è nata la credenza sui licantropi (dal greco lykos, che significa lupo e anthropos, uomo) e che in seguito furono definiti "lupi mannari" (dal latino lupus hominarius, che sta per lupo simile all'uomo), resta il fatto che in numerosissime leggende o storie è onnipresente questa inquietante figura.
In alcuni ambienti, fino a qualche anno fa, esisteva la credenza diffusa che la licantropia non fosse, come si riteneva in epoche antichissime, l'espressione di una forza malvagia e oscura o di uno spirito animale in grado di impossessarsi di un uomo e agire attraverso di lui, ma che fosse una sorta di malattia facilmente spiegabile in termini medici. Tale malattia, ovviamente di natura sconosciuta, induceva un uomo ad assumere, in certi momenti della sua vita o in certi periodi, le sembianze di un lupo; alcuni ritenevano addirittura che la peluria del corpo potesse aumentare in modo vistoso e che unghia e denti assumessero la forma tipica di quelli di un lupo. In queste condizioni, "il malato" era indotto a vagare per i boschi nascondendosi dagli altri uomini e aggredendo i poveri sfortunati che incontrava sul suo cammino. Terminata la crisi, l'uomo tornava alla normalità, conducendo una vita normale e non ricordando nulla di ciò che gli era accaduto.
Una visione del genere, non meno fantasiosa di quella della licantropia ottenuta per possessione di uno spirito animale, fu alimentata soprattutto a partire dagli anni Trenta con la produzione di film horror sull'argomento. Oggi, nonostante la gente consideri l'esistenza del licantropo solo una leggenda, vi è ancora, per alcuni, la credenza che la licantropia sia una malattia ben definita che, ovviamente senza l'aumento di peli e la crescita dei denti, induca ugualmente un uomo ad assumere l'atteggiamento di un lupo, facendolo ululare e camminare a quattro zampe nelle notti di luna piena. Tuttavia, la licantropia intesa come malattia rappresenta un equivoco.
Non esiste una nosografia specifica nella quale inquadrare tale disturbo, si tratta soltanto di una forma di delirio che si può esprimere in diversi disturbi psichiatrici di personalità di tipo paranoide o in alcune forme di psicosi. Tale delirio, definito "zooantropico" è rappresentato dalla convinzione patologica di un soggetto di trasformarsi in un animale o che alcuni organi del suo corpo si stiano tramutando in quelli di animali, nulla di più. In psichiatria, la condizione in cui vi è la convinzione di trasformarsi in lupo è definita anche "licantropia di Nabucodonosor" così denominata per rappresentare soltanto una delle tante modalità di esprimersi che ha un pensiero delirante. Non ci sono né peli, né ululati nelle notti di luna piena, ma solo un'idea patologica.



Per saperne di piu:
  • Sarteschi P. Maggini C. "Psicopatologia", in: Manuale di psichiatria (SBN 1982).
  • Mastronardi, V. (a cura di) "Studi sui fenomeni di possessione demoniaca", Rassegna di psicoterapie, ipnosi n. 1, Giugno, 1995.

 

 

per informazioni sul sito e sul CICAP: info@cicap.org

© 2014 CICAP - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto del CICAP.