Un italiano a Loch Ness

La Repubblica, 28 giugno 2001, p. 25

Un italiano a Loch Ness
"Il mostro non esiste"

Il primo a vederlo fu nell'anno del Signore 565 un monaco, Columba, un caratteraccio di irlandese che si era trasferito in Scozia per diffondere il cristianesimo e pure scappare da alcuni guai e che sarebbe poi diventato santo. Ora però un ricercatore italiano spiega che il santo aveva avuto le traveggole e che Nessie, la creatura più celebre al mondo, non è mai esistito: le sue apparizioni sono in realtà un fenomeno geologico provocato da terremoti ed emissioni gassose. Il mostro di Loch Ness altro non sarebbe che una bollicina.

***

image
La dimostrazione che si tratta di un fenomeno geologico è stata offerta ieri all'università di Edimburgo nel corso di una conferenza da Luigi Piccardi, ricercatore (lavora al Centro di Studio per la geologia dell'Appennino e delle catene perimediteranee del Cnr di Firenze) specializzato tra l'altro nello studiare i legami tra geologia e mitologia. La spiegazione, se vogliamo, è semplice: Loch Ness si trova lungo la linea di faglia di Great Glen, «molto grande e molto attiva» e i movimenti sismici sono in grado di provocare quel ribollire di acque e quei tremori di terra che accompagnano i racconti delle apparizioni di Nessie. Del resto nella "Vita di Columba", scritta dal biografo medievale Adamnano, si racconta di una bestia «che viveva nelle profondità del fiume» e che a volte appariva «con grandi tremori». La bestia fu ricacciata negli abissi da Columba il quale si parò davanti al mostro «dipinse nell'aria un segno della croce» e intimò all'essere «di non procedere oltre, di non osare toccare gli uomini».
Nessie, che ancora nessuno aveva così battezzato, ubbidì.
Esaminando la storia e le testimonianze, dice Piccardi, l'antica descrizione ritorna in tutti i suoi elementi anche quando si sente parlare delle presunte apparizioni contemporanee. «Ci sono numerosi fenomeni sulle superficie dell'acqua che possono essere collegati alle attività della faglia» dice Piccardi che con questa analisi ha risolto un mistero agli scozzesi ma anche assestato un bel colpo alla leggenda. «Se si prende in considerazione il latino che usa Adamnano la bestia appare "con grandi tremori" e quando scompare lo fa "scuotendosi". Penso sia una descrizione piuttosto chiara di quel che stava in realtà accadendo». Appunto un piccolo sisma. E lo stesso si può dire per quanto avvenne tra il 1933 e il 1935. E' a quegli anni che data il boom del mostro di Loch Ness, ma proprio al 1934 risale l'ultimo terremoto di un certo rilievo che coinvolse la faglia di Great Glen. Allora i signori MacKey raccontarono di aver visto un enorme creatura affiorare a pelo d'acqua per oltre un minuto,
image
l'anno seguente fu scattata anche la famosa "fotografia" di Nessie. «Sappiamo che quello fu un periodo di particolare attività della faglia - ha spiegato Piccardi all'uditorio scozzese - quanti pensarono di aver visto un mostro in realtà avevano visto sull'acqua gli effetti provocati dalle scosse telluriche», come le onde che nei racconti diventano gobbe. La teoria può valere per buona parte delle oltre 3.500 volte in cui il mostro sarebbe stato individuato. Piccardi ha applicato analisi analoghe al mistero dell'oracolo di Delfi, provocato dai gas sulfurei e ad altri inspiegabili avvenimenti: «La venerazione di questi luoghi può essere il risultato delle spiegazioni che la gente si è data assistendo a fenomeni che non era in grado di spiegare altrimenti».
Ma gli amici di Nessie non ci stanno.
Gary Campbell, presidente del Loch Ness Monster Fan Club di Iverness ha detto al Times: «Piccardi sembra dimenticarsi che abbiamo più di mille racconti di persone che dicono di aver visto nell'acqua qualcosa di solido come una testa e un collo». E sul sito Internet del Loch Ness Monster Fan Club - che elenca 56 apparizioni del mostro tra il ?96 e il 2000 - si legge che «Nessie è vivo e sta bene», si possono vedere anche due «spettacolari fotografie», per non parlare della web cam puntata sullo specchio d'acqua. Il ricercatore si difende con ironia: «Spero che ora quanti hanno dato la caccia al mostro non si mettano alla caccia di Piccardi». Anche perché intorno a Nessie è fiorita l'industria del turismo, che sul mostro e il mito ha costruito la propria ragione d'essere
e non sembra disposta ad accettare la spiegazione razionale della leggenda.

Francesco Malgaroli

(La Repubblica, 28 giugno 2001, p. 25)


Per saperne di più: