Il meglio di Query Online a ottobre

img
Ottobre è passato, arriva novembre... Perché non approfittare dei primi freddi per rimanere in casa a rileggere alcune delle storie più interessanti che ci hanno tenuto compagnia su Query Online? Ecco quelle che abbiamo selezionato per voi, dal mese appena concluso:
  • L’apertura della tomba di Carlo Acutis, morto di leucemia a 15 anni, ha riportato alla ribalta il tema dell’incorruttibilità dei corpi di santi e beati: un fenomeno antico e ben noto nella storia della religione cattolica. Pasquale Palmieri, storico dell’università Federico II di Napoli, ricostruisce nei dettagli la vicenda di suor Maria Margherita Redi, morta a Firenze nel 1770, il cui corpo attraversò parecchie vicissitudini
  • Ottobre ci ha portato anche una nuova ondata di disinformazione sulla pandemia. La virologa Graziella Morace analizza per noi due bufale che si sono diffuse nelle ultime settimane: quella che vorrebbe il Covid-19 attivato dalle vaccinazioni antinfluenzali e quella secondo cui i tamponi potrebbero rivelare in realtà virus diversi da quello cercato
  • Perché le formiche, se poste all’interno di un cerchio disegnato, tendono a rimanervi dentro, come se “vedessero” una barriera invalicabile? Il fenomeno è reale, ma il paragone con “i nostri limiti invisibili” è del tutto fuorviante. Fulvio Giachino, entomologo, ci racconta il perché , spiegandoci anche i meccanismi evolutivi dietro a questo comportamento
  • Da metà ottobre nelle farmacie italiane si può trovare un opuscolo prodotto da Federfarma e da Omeoimprese, che contiene un decalogo per “fare chiarezza sulle medicine complementari”. Guardandolo un po’ più da vicino, si direbbe che questo nobile scopo non sia stato raggiunto: ecco il commento di Silvano Fuso
  • La scomparsa, a novantadue anni, di James Randi: un gigante dello scetticismo e del pensiero critico, ma anche un grande mentalista e una persona curiosa e disponibile. Ci racconta questo e molto altro Massimo Polidoro, in un’intervista piena di aneddoti e di spunti inediti su quest’uomo straordinario

Grazie per essere stati con noi e arrivederci al mese prossimo!