Avventure nel tempo

img
Due distinte signore inglesi, in visita ai giardini di Versailles nel 1901, si ritrovano improvvisamente alla corte di Luigi XVI. Un pilota della Royal Air Force, nel 1935, dopo una tempesta sorvola una base aerea che non esiste ancora e sarà costruita solo quattro anni dopo. Nel 1957, tre ragazzi a passeggio nella campagna inglese smarriscono la strada e si imbattono in un villaggio fermo al Medioevo...

Non sono tre episodi perduti di Ai confini della realtà, la celebre serie televisiva dedicata alla fantascienza, ma tre storie realmente accadute. Potrebbero essere la prova che i protagonisti hanno accidentalmente trovato un modo per viaggiare nel tempo?
image
Le due protagoniste del presunto viaggio nel tempo a Versailles.

Una passeggiata a Versailles


È un pomeriggio pieno di sole quello del 10 agosto 1901; Anne Moberly e Eleanor Jourdain, dirigenti del St. Hugh’s College a Oxford, passeggiano in gita a Versailles in cerca del Petit Trianon, la villetta della regina Maria Antonietta.

Assorbite dalla conversazione, non si accorgono di essersi smarrite. «Avevo quasi l’impressione di camminare nel sonno, mi sentivo circondata da un’atmosfera opprimente, molto simile a un sogno» dirà in seguito Jourdain.

Le due donne incrociano dei giardinieri, che indossano lunghe giacche e un cappello a tricorno, e si fanno spiegare la strada. Poi si imbattono in altri due tizi dall’aria inquietante, uno avvolto in una mantella e un altro con abiti antiquati.

Giunte alla villetta, una donna sull’erba intenta a disegnare le fissa in maniera insistente. Le due entrano quindi nella villa e finalmente la comparsa di un corteo nuziale spazza via il senso di inquietudine che le aveva assalite.
image
Già negli anni 60 del secolo scorso, come dimostra questa rivista, il caso delle due donne inglesi “trasportate" ai tempi di Maria Antonietta, catturava la curiosità dei lettori.
Solo dopo tre mesi, rientrate in Inghilterra, le due si confronteranno, scoprendo di avere entrambe pensato che qualcosa di straordinario fosse successo quel giorno a Versailles. Indagando, scoprono che proprio il 10 agosto 1792, oltre un secolo prima, Maria Antonietta e il marito, Luigi XVI, erano stati imprigionati in attesa del processo. Tornate a Versailles due anni dopo, le donne scoprono che tutto è cambiato: gli edifici e il giardino non sono più come li ricordavano, ma sulle vecchie planimetrie l’impostazione è simile a quella che avevano visto. Quando poi trovano un ritratto di Maria Antonietta si convincono che il suo volto è identico a quello della dama che disegnava. Nel 1911 racconteranno la straordinaria esperienza in un libro, An Adventure, che farà scalpore. Avevano per caso aperto una porta che le aveva proiettate nel passato?

Una visione del futuro


image
Con il suo aeroplano Sir Victor Goddard ha davvero visto sotto di sé un aerodromo del passato in piena attività?
Nel 1935 Sir Victor Goddard, alto ufficiale della RAF inglese, finisce con il suo velivolo in una tempesta: i comandi non rispondono, lampi, pioggia e strane nuvole gialle lo avvolgono. Tutto sembra perduto, quando ecco riaprirsi le nuvole e spuntare il sole. Sotto di sé però Goddard vede qualcosa che non si sa spiegare: dovrebbe trovarsi all’altezza di Drem, ma sotto di lui è un aerodromo in piena attività, con operai in tuta blu indaffarati intorno ad alcuni aerei di colore giallo. È strano, perché gli operai della RAF, come quelli di Drem, vestono tute marroni e non usano aerei gialli. Ma, soprattutto, due giorni prima, Goddard era passato sopra la stessa zona e aveva visto un aerodromo in stato di completo abbandono.

Dovranno passare quattro anni prima che la RAF inizi a dipingere i suoi aerei di giallo e gli operai a indossare tute di colore blu. Goddard si convincerà di essere incappato in un varco spazio temporale che gli ha permesso di vedere per qualche istante l’aerodromo di Dram come sarebbe diventato in futuro.

Viaggi nel tempo al cinema


Il fascino esercitato dall’idea di potere viaggiare nel tempo ha ispirato una vasta produzione cinematografica. Il tema, un vero e proprio sottogenere della fantascienza, arriva al cinema già alla sua nascita, una delle prime pellicole mute è la trasposizione cinematografica del 1921 del romanzo Un americano alla corte di re Artù di Mark Twain. Anche il classico di H.G. Wells, La macchina del tempo, diventa un film di George Pal nel 1960 intitolato L’uomo che visse nel futuro. E lo stesso Wells diventa il protagonista di L’uomo venuto dall’impossibile (1979). Ne La Jetée (1962) un sopravvissuto della Terza guerra mondiale, torna nel passato per impedire la catastrofe. Il film ispirerà nel 1995 L’esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam. Tra le commedie, in Ricomincio da capo (1993) Bill Murray rivive ogni giorno la stessa identica giornata, in Kate & Leopold (2001) un uomo del 1876 arriva nel presente e si innamora di una donna in carriera e in Midnight in Paris (2011) di Woody Allen un uomo di oggi torna nel 1920. Celebri serie che hanno i viaggi nel tempo al centro della trama sono anche Ritorno al futuro, Terminator, Superman, Dr. Who, Star Trek, Il pianeta delle scimmie.

Tre ragazzi a zonzo


Quando tre giovani cadetti della Marina inglese, impegnati una domenica in un’esercitazione di orientamento all’alba, entrano nel villaggio di Kersey, nel Suffolk, si accorgono che qualcosa non va. La campana della chiesa ha smesso di suonare, le anatre del laghetto sono immobili, nemmeno le foglie sugli alberi si muovono e gli uccellini si sono improvvisamente zittiti. Le strade sono deserte e, nonostante sia il 1957, non c’è una sola automobile in giro e non si vedono lampioni o cavi dell’elettricità.

Il villaggio sembra una città fantasma e il senso di inquietudine cresce quando, avvicinandosi alle finestre delle casette antiquate, non vedono anima viva al loro interno. Scossi, lasciano velocemente il villaggio e tornano da dove erano venuti. Sarà solo trent’anni dopo che due di quei ragazzi, ritrovatisi, rievocando l’episodio si renderanno conto di avere forse assistito a un fenomeno inspiegabile.

Lo studioso inglese Andrew Mackenzie si interessa alla storia e si convince che i tre ragazzi non videro Kersey com’era nel 1957, ma piuttosto come era stata sei secoli prima. Un altro involontario salto nel passato?

Sarà mai possibile viaggiare nel tempo?


Nessuno finora è riuscito a trovare il modo, ma potrebbe non essere impossibile. I viaggi nel futuro sono teoricamente già possibili: secondo la Teoria della Relatività ristretta di Einstein il tempo non scorre allo stesso modo per tutti, gli intervalli temporali si dilatano per osservatori che si muovono a velocità prossime a quelle della luce nel vuoto. I viaggi nel passato pongono invece una serie di paradossi: se potessimo farlo, potremmo uccidere i nostri antenati e dunque impedire la nostra stessa nascita. Ma come farlo se non si è mai nati? Secondo la visione a molti-mondi della realtà di Hugh Everett III, però, ogni volta che si guarda la realtà, l’universo si sdoppia creando una realtà parallela. Se tale ipotesi fosse confermata risolverebbe tutti i paradossi logici temporali. Al di là delle ipotesi, comunque, qualunque tipo di macchina del tempo richiederebbe tecnologie che, per il momento, sono ben lontane da quanto disponibile oggi sulla Terra.

Ipotesi ragionevoli


Storie come queste, che spesso mi diverto a raccontare nella mia serie “Strane Storie” sul mio canale YouTube, appaiono affascinanti, poiché lasciano intendere che, in circostanze straordinarie, il passato e il futuro possano essere percepiti, o addirittura vissuti, come se accadessero nel presente.

Prima di rivoluzionare la fisica ed elaborare nuove teorie sul continuum spazio temporale, tuttavia, conviene esaminare ogni singola storia e capire se sono possibili spiegazioni alternative.
Nel caso delle due dame inglesi, questa indagine fu condotta dagli esperti della Society for Psychical Research inglese. Esaminando la corrispondenza che Moberly e Jourdain avevano avuto con gli studiosi della SPR, si scoprì che i dettagli più intriganti e interessanti erano stati aggiunti solo anni dopo l’accaduto, quando le due si erano ormai documentate sulla storia del luogo. La straordinarietà del loro racconto, infatti, era tale poiché si credeva che, nel 1901, non avrebbero potuto fornire una descrizione così accurata della Versailles del 1789 se non avendola davvero vista.

È probabile, insomma, che le donne avessero visto qualcosa che le aveva molto colpite durante quel viaggio, magari furono testimoni involontarie di una festa in costume, forse una di quelle che il poeta Robert de Montesquiou organizzava proprio lì vicino. Tuttavia, è possibile che, volendo a tutti i costi essere credute, deliberatamente o meno abbiano migliorato sempre di più il loro racconto, rendendo così impossibile stabilire se l’incontro con Maria Antonietta (o qualcuno che le assomigliava) sia realmente accaduto o sia stato solo il frutto della loro immaginazione.

Quanto a Victor Goddard, per quanto esperto aviatore, è possibile che con la tecnologia del 1935 abbia perso l’orientamento e sia transitato a 150 km da Drem, su un aeroporto civile dove era plausibile trovare operai in tuta blu e biplani dai colori sgargianti.

Un’ipotesi ragionevole, ma che lo stesso Goddard si sarebbe probabilmente rifiutato di accettare, poiché era un fervente credente nel soprannaturale e fu anche protagonista di un altro caso celebre, in cui si disse convinto che in una foto di uno squadrone militare da lui ritrovata compariva anche il fantasma di un meccanico morto pochi giorni prima dello scatto.

Storie da brividi


image
l villaggio di Kersey così come ricostruito sulla base dei ricordi dei tre giovani che credevano di essere tornati indietro nel tempo.
Quella dei tre cadetti che si imbattono nel villaggio medievale è, infine, la storia più plausibile. Non tanto perché davvero possano essersi ritrovati improvvisamente a sei secoli di distanza, ma piuttosto perché il villaggio di Kersey conservava negli anni ’50 del secolo scorso, e in gran parte conserva ancora, un aspetto medievale e, per tre ragazzi forestieri, la cosa poteva sembrare piuttosto strana. Molti dei cottage ancora in piedi, infatti, risalgono al medioevo e il villaggio è spesso usato come set cinematografico per ambientazioni storiche.

Esistono addirittura documenti da cui si evince che al tempo della gita dei tre ragazzi, c’erano state petizioni per impedire che cavi elettrici e lampioni rovinassero “l’atmosfera d’epoca” di Kersey.
image
Il villaggio di Kersey in una cartolina d’epoca: le strade e le casette del villaggio conservate come in una capsula del tempo sono proprio la sua attrazione turistica principale.
L’episodio, come anche quello della gita a Versailles, conferma il fatto che l’illusione di un viaggio nel tempo si fa più forte quando ci sono più testimoni che si incoraggiano a vicenda (anche se il terzo cadetto non ricordava nulla di strano). Più passa il tempo e più i ricordi si alterano, ma parlarne insieme a chi ha vissuto la stessa esperienza aiuta ad aggiungere nuovi dettagli, ignorare le incongruenze e ritrovarsi alla fine con una storia straordinaria, molto diversa da quella vissuta in realtà, ma capace di dare i brividi a chi la ascolta.

Ti potrebbero interessare anche