Editoriale

Il primo articolo che voglio segnalarvi in questo numero è l’apertura del Terzo occhio, il pezzo con cui Sonia Ciampoli presenta il prossimo Convegno nazionale del CICAP che si terrà a Cesena dal 25 al 27 settembre. Come scrive Sonia, non è sempre facile trovarsi a discutere in pubblico di argomenti che hanno a che fare con le pseudoscienze e far sempre la parte di quelli che “Forse le cose sono più complicate... e forse mancano le prove...e forse le fonti non sono così affidabili...”. E allora questi tre giorni servono anche per riscoprire che tante persone condividono il nostro stesso punto di vista e per ritrovare insieme il gusto di discutere e approfondire molti argomenti, dalla storia alla scienza alla ricerca artistica, seguendo il filo della razionalità, della competenza e della passione. Per questa ragione, per ritrovare e dare forza a una comunità unica nel nostro Paese, oltre che per il piacere di ascoltare i tanti relatori che si alterneranno in questo Convegno (trovate il programma completo da pagina 53), io spero che molti dei lettori di Query decideranno di venire a Cesena.

A proposito di iniziative targate CICAP, in questo numero ospitiamo con piacere la testimonianza di Rodolfo Rolando, Chiara Pasquini e Roberto Camisana, tre dei corsisti che hanno partecipato al Corso per investigatori 2015 che è stato organizzato dal Gruppo Piemonte, coordinato da Luca Antonelli (potete leggerla a pagina 67).

La copertina di questo numero è invece dedicata ai problemi della ricerca medica, con due articoli di Sergio Della Sala e Morton Tavel che mostrano come le difficoltà della ricerca scientifica possano essere particolarmente serie in un campo nel quale gli interessi economico finanziari hanno una straordinaria rilevanza. Proprio per questa ragione, i resoconti che leggiamo sui giornali e che parlano di scoperte strabilianti e terapie miracolose sono spesso il risultato di forzature che non nascono nelle redazioni giornalistiche, ma negli uffici stampa delle università e dei centri di ricerca. È un tema molto importante vista la rilevanza della salute per ciascuno di noi e ci torneremo anche nei prossimi numeri. Intanto, buona lettura!