Duro colpo per i sindonologi

Un numero speciale per un'inchiesta nata per caso

È un numero molto speciale lo Scienza &Paranormale che state per leggere. L'intera sezione degli articoli, come vedrete, è occupata da un unico, lungo e dettagliato, rapporto su una clamorosa vicenda di frode scientifica.

Il nostro collaboratore Gian Marco Rinaldi, già noto in ambito parapsicologico per le sue accurate indagini e verifiche di famosi esperimenti rivelatisi poi mal fatti o, peggio, fraudolenti, ha dedicato quasi due anni per scoprire e quindi documentare un caso incredibile di contraffazione di esperimenti legati alla cosiddetta "sindonologia", la disciplina che afferma di studiare con metodologie scientifiche la sindone di Torino.

Nell'autunno 2000 Rinaldi si era messo in contatto con il biochimico russo Dmitry Kuznetsov, noto anche in Italia per essere stato una sorta di "salvatore" della sindone di Torino. Dopo che il tessuto della sindone era stato radiodatato nel 1988 e assegnato al medioevo, escludendo così che potesse trattarsi dell'autentico telo sepolcrale di Gesù, infatti, egli sosteneva di avere dimostrato che la datazione era sbagliata e quindi la sindone poteva essere in realtà più antica.

Ciò che lo distingueva dagli altri "sindonologi", però, era il fatto che aveva pubblicato le sue ricerche non su bollettini stampati privatamente dalle varie associazioni sindonologiche, ma nella letteratura scientifica al più alto livello.

Nel suo contatto, Rinaldi, al tempo impegnato in una ricerca relativa alla sindone, chiedeva lumi a Kuznetsov circa la sua biografia.

Il russo rispondeva prontamente, inviando un suo dettagliato curriculum, alcune fotografie e vari documenti fra cui copie di suoi articoli recenti. Uno di questi, però, destò subito le perplessità di Rinaldi. Kuznetsov diceva di avere sperimentato su antichi tessuti provenienti dall'Irlanda. Dai particolari che forniva, sembrava del tutto inverosimile che potesse davvero avere ottenuto quei tessuti.

Da lì partì l'indagine che portò Rinaldi a scoprire che Kuznetsov non aveva mai avuto quei campioni di tessuto a disposizione, e che quindi tutto il resoconto sperimentale era stato da lui inventato.

Ma era solo l'inizio, come vedrete leggendo l'appassionante inchiesta di Rinaldi: troverete prima una biografia di Kuznetov, seguita poi dal dossier vero e proprio con i risultati dell'inchiesta.

Tutte le scoperte sono documentate e l'imponente massa di materiale raccolta da Rinaldi è a disposizione per chi, eventualmente, volesse avere maggiori dettagli.

Come ribadisce Rinaldi nel suo articolo, Kuznetsov ha ovviamente il diritto di difendersi dalle accuse qui elencate e sarà il benvenuto se vorrà replicare sulle pagine di Scienza &Paranormale.

La stessa disponibilità è offerta anche a quei sindonologi ed esperti (come i vari: Pier Giuseppe Accornero, Mario Cappi, Giovanni Cavalcoli, Emanuela Marinelli, Vittorio Messori, Mario Moroni, Lamberto Schiatti e Maria Grazia Siliato citati nel box a pag. 23), che in più occasioni avevano dichiarato nulli i risultati del test con il radiocarbonio proprio grazie alle nuove "scoperte" di Kuznetsov, nel caso volessero precisare il loro pensiero alla luce della nostra inchiesta.