Carlucci Vs. Maiani, ovvero molto rumore per nulla

L'incredibile attacco della deputata di Forza Italia al fisico italiano nominato Presidente del CNR

Si dice che le vicende umane si ripetano, presentandosi la prima volta sotto forma di tragedia e la seconda volta come farsa. Potrebbe essere questo il caso degli eventi che andiamo a narrare.
image
Il logo del CNR di cui Luciano Maiani è stato nominato Presidente. Proprio questa decisione ha scatenato la polemica della parlamentare di Forza Italia contro l'illustre scienziato.
Nell'estate del 1963, Giuseppe Saragat, un politico socialdemocratico che successivamente fu anche eletto Presidente della Repubblica italiana, prese la penna e attaccò Felice Ippolito, allora a capo del CNEN, l'ente che si occupava di energia nucleare (la vicenda è narrata in Carlo Bernardini, La fisica nella cultura italiana del Novecento, Bari: Laterza, 1999). L'argomento di Saragat era il seguente: l'Italia non era un paese che poteva permettersi di spendere soldi in tecnologie avanzate e il CNEN dilapidava soldi pubblici. Qualche mese dopo, Ippolito si trovava in carcere per presunte irregolarità gestionali e cominciava il declino delle attività italiane relative alla produzione di energia con il nucleare.
Circa quarantacinque anni dopo, nel febbraio 2008, Gabriella Carlucci, una deputata di Forza Italia, prende di nuovo la penna per attaccare Luciano Maiani, fisico delle particelle e da poco nominato Presidente del CNR. Questa volta, però, l'argomento dell'attacco non è direttamente collegato alla politica energetica. Maiani si è sempre occupato di scienza fondamentale. Inoltre, contrariamente a qualche suo predecessore alla presidenza del CNR, ha anche il torto di essere scienziato di fama internazionale, con una lista lunghissima di articoli scientifici, un numero enorme di citazioni e un curriculum eccezionale. La Carlucci in particolare segnala un errore che Maiani avrebbe commesso in un suo articolo. Non c'è qui spazio per riportare tutti i passaggi della polemica sollevata da Gabriella Carlucci. Basti pensare che la parlamentare ha cercato di coinvolgere nella polemica vari colleghi di Maiani, i quali hanno successivamente smentito di aver mai lanciato accuse allo scienziato italiano. Una cronistoria dettagliata del caso si trova sul sito italiano di Wikipedia (it.wikipedia.org/wiki/Gabriella_Carlucci ). Per ora non è dato sapere quale sarà la sorte di Maiani nei mesi prossimi. Molto probabilmente non finirà in carcere come Ippolito, ma a seconda dell'esito delle elezioni del 13-14 aprile 2008, potrà essere, appena possibile, sollevato dal suo incarico di Presidente del CNR.
image
Luciano Maiani
I lettori di S&P troveranno interessante il commento attribuito dagli autori di Wikipedia al fisico del CERN Alvaro De Rujula:
«I più grandi fisici della storia hanno pubblicato risultati sbagliati. Forse l'unico ad aver commesso pochi errori fu Galileo. Newton sbagliò sulla velocità del suono, Einstein sul momento magnetico dell'elettrone, l'esperimento per cui fu dato il premio Nobel a Fermi era sbagliato, eccetera. Di nuovo, a nessuno venne l'idea di dire che la fisica britannica, tedesca o italiana furono macchiate per questi errori».

Anche l'autore di queste righe approfitta dell'occasione per autodenunciarsi prima che nel futuro intervengano contro di lui un Saragat o una Carlucci di turno. Ha sicuramente commesso errori di varia natura nei suoi articoli scientifici e, prima o poi, se ne avrà l'opportunità, li raccoglierà in un apposito volumetto.