Astrologia: un altro anno di grandi (in)successi

Sembra che le stelle non riescano a farsi capire dagli astrologi italiani, che ci sommergono con le loro previsioni da tv e giornali

  • In Articoli
  • 23-02-2010
  • A cura del Gruppo di studio sull’astrologia del Cicap
image
©zeevveez/Flickr

Come ogni anno dalla sua fondazione, il CICAP raccoglie e verifica le affermazioni di astrologi e veggenti, per cercare di capire se davvero siano in grado di prevedere il futuro. La collezione completa delle previsioni è disponibile, insieme con il divertente Sciocchezzario astrologico preparato da Andrea Proietti Lupi (che ha curato la raccolta) alla pagina www.cicap.org/astrologia2009 .

Un tema molto sentito quest'anno è, ovviamente, la crisi economica globale. È molto usato negli oroscopi il trucco di scrivere una frase che dica una cosa e, insieme, il suo contrario: "sei una persona mite ma che sa farsi valere". Allo stesso modo, cosa potevano dire i nostri astrologi della crisi senza sbilanciarsi troppo?

«La crisi economica, che proseguirà fino all'autunno inoltrato, sulla lunga distanza potrebbe rivelarsi feconda in termini di creatività, di ripensamento sulle forme ed i luoghi della nostra vita, di una maggiore attenzione per l'ambiente» (Marco Pesatori, di D Repubblica).

«[...] manco l'anno prossimo, probabilmente, ci sarà trippa per gatti, né in Italia né nel mondo, per quanto "sotto sotto" le cose comincino gradualmente a migliorare» (Antonio Capitani, www.agi.it ).

«Dal punto di vista economico, il tempo dei sacrifici non è terminato, ma non si potranno disconoscere concreti cambiamenti sia sul piano fiscale sia su quello lavorativo…» (Almanacco di Barbanera).

Bisogna ammettere però che ci sono, anche tra gli astrologi, quelli che provano a osare, a azzardare delle previsioni un po' più precise. Il problema è che evidentemente consultano cieli diversi tra loro dal momento che, se li si confronta, si trovano vaticini diversi quando non opposti:

«Io sono ottimista [per quanto riguarda l'economia] e contesto gli uccelli del malaugurio» (Branko, Chi).

«È inutile farsi delle illusioni: non ci sarà un miglioramento della situazione» (Grazia Mirti, www.affaritaliani.it ).

«Ci sono sentori di ripresa economica a giudicare dalle posizioni planetarie» (Antonio Capitani, TG Studio Aperto).

«La vita degli Italiani risulterà assai problematica nel 2009» (Mago Otelma, Caterpillar).

Non sembrano essere molto più indovinate le previsioni sui personaggi della politica, in Italia e nel mondo.

Secondo Teodora Stefanova il 2009 avrebbe visto «pochi scossoni nel PD, nel futuro c'è ancora Franceschini che continuerà indisturbato per la sua strada», una previsione che, ne siamo certi, la stessa Stefanova si guarderebbe ora dal ripetere considerando che in realtà le elezioni Primarie del Partito Democratico sono state vinte da Bersani; quanto ai mancati scossoni, l'uscita di uno dei fondatori del partito come Francesco Rutelli, già candidato Presidente del Consiglio per la coalizione di centro-sinistra, può essere qualificata almeno come una scossa del quinto grado? La politica non porta però bene alla Stefanova, secondo la quale «l'UDC si spaccherà, e non sarà l'unico partito […]». Senza timori di smentite si è poi spinta a vaticinare che Adriano Galliani sarebbe dovuto diventare Ministro dello Sport: previsione azzardata, dato che il Ministero dello Sport non esiste più.

Lasciamo la politica italiana e proviamo a levare lo sguardo oltre frontiera. Il mago Otelma vedeva «fiamme elevarsi al di là dell'oceano» e, insieme a Grazia Mirti, provava apprensione per Barack Obama: il presidente americano sarebbe andato incontro a pericoli per la sua incolumità. Il mago Johnny ha però battuto tutti per precisione: secondo lui l'attentato si sarebbe dovuto verificare il 13 marzo, con «una battaglia tra bianchi e neri». E non è finita: «si verificheranno suicidi collettivi, si ucciderà persino un grande uomo della televisione». Inutile dire che niente del genere è davvero accaduto.

Passando ad argomenti meno drammatici, Barbara Massimo su Novella 2000 prevedeva che quest'anno si sarebbero sposati gli scapoli d'oro Leonardo DiCaprio e George Clooney: purtroppo niente da fare, nonostante le diverse compagnie femminili con le quali i rotocalchi di mezzo mondo li hanno sorpresi in dolce compagnia.

Fabrizio Corona avrebbe dovuto avere, secondo Sirio su Italia allo Specchio, una nuova partner dell'Acquario, ma evidentemente nessuno ha avvertito Belen Rodriguez che si sarebbe dovuta fare da parte per lasciare posto a qualcun altro dal momento che lei è della Vergine. D'altronde, con simmetrica imprecisione, Marco Pesatori su Oggi prevedeva per lei un possibile riavvicinamento all'ex fidanzato Marco Borriello.

Anche nello sport la realtà è stata diversa da quella prevista dagli astrologi: il Torino non è rimasto in serie A come vaticinato da Mauro Perfetti a Quelli che il calcio, e le previsioni per il campionato di calcio, vinto dall'Inter, erano per lo più fuori bersaglio. Teodora Stefanova propendeva per il Milan con l'Inter terza; secondo Riccardo Sorrentino su Il romanista la Roma se la sarebbe giocata con Milan e Juventus, mentre astutamente Adriana Sarno su Teleroma 56 non si sbilanciava: una squadra del Nord, ma non necessariamente di Milano.

Insomma, anche per quest'anno un risultato tutt'altro che entusiasmante, ma siamo sicuri che ci vorranno riprovare l'anno prossimo e chissà che con il favore delle stelle…

A cura del Gruppo di studio sull'astrologia del Cicap:
Stefano Bagnasco (coordinatore), Massimo Ciollaro, Gianni Comoretto, Antonio Fanelli, Andrea Ferrero, Pasqua Gandolfi, Luigi Garlaschelli, Roberto Labanti, Andrea Proietti Lupi, Paolo Volpini