Una spiegazione ottica del fenomeno

L'idea che mi sono fatto è che la lastra che forma una finestra, per effetto forse del calore del sole, si deformi leggermente, diventando uno specchio concavo con una lunghezza focale molto grande, dell'ordine delle decine di metri.

image
Un palazzo illuminato dal sole.

Se non ho sbagliato i conti, per avere una lunghezza focale di 40 metri, una lastra di 2 metri dovrebbe flettersi fino ad avere una freccia di circa 6 mm, quindi una deformazione minima. Se la parete di fronte si trova alla distanza giusta (dipende ovviamente dalla curvatura del vetro, ma non è necessario essere troppo precisi), il riflesso che si forma non è rettangolare (come farebbe una finestra piana) ma rotondo, perché è l'immmagine riflessa del disco del sole. Se la parete fosse esattamente ad una distanza pari alla lunghezza focale, l'immagine sarebbe puntiforme.

image
Mistero risolto: è il palazzo a vetri colpito dal sole che proietta su quello di fronte le "X" di luce.

Le figure a croce o a doppia croce che si formano, se questa è la davvero la spiegazione, potrebbero essere l'effetto della forma quadrata della finestra, oppure di come il vetro è fissato al telaio (se ad esempio è vincolato con quattro oppure sei graffette, che modificano il modo in cui la lastra si deforma). Secondo la "classificazione cicappina", qui si tratta di un "fenomeno fisico raro, curioso o controintuitivo misinterpretato come misterioso". È interessante però notare come nessuno abbia mai fatto caso a queste figure, fino a che qualcuno non le ha interpretate, appunto, come misteriose.  

Stefano Bagnasco