Filologia del Graal

  • In Articoli
  • 31-01-2021
  • di Daniele Stona
img
Apparizione del Sacro Graal tra i Cavalieri della Tavola Rotonda. ©Wikipedia
Negli ultimi decenni del secolo XII, nella letteratura occidentale, fece la sua prima apparizione un oggetto assai misterioso, destinato a suscitare nell’immaginario collettivo uno straordinario interesse che dura da ben otto secoli, diventando il simbolo di alti ideali e di profonde esperienze religiose.

Questo oggetto, descritto per la prima volta dallo scrittore francese Chrétien de Troyes, prende il nome di Graal.

Sul Graal sono state scritte migliaia e migliaia di pagine e sono state formulate le ipotesi più controverse, ma ancora oggi il Graal rimane qualcosa di inafferrabile che continua a stimolare la fantasia di scrittori, studiosi ed appassionati. Molti di questi hanno legato il mito del Graal a pratiche esoteriche e a concezioni gnostiche della religione cristiana, come ad esempio l’esistenza di una stirpe reale discendente da Gesù (questa &egr[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.