Il terremoto del 1908

  • In Articoli
  • 08-08-2009
  • di Fabio Pulvirenti e Luca Manzella
Un grande terremoto che ha sconvolto l'Italia causando danni gravissimi è stato quello calabro-messinese del 1908, uno degli eventi più catastrofici del XX secolo. Alle 5,21 del 28 dicembre 1908 i sismografi registrarono un terremoto di altissima magnitudo ma le strumentazioni dell'epoca non permettevano di localizzare in quale città o regione vi fosse stato l'epicentro. A tal proposito gli addetti all'osservatorio Ximeniano (Firenze) annotarono: «Stamani alle 5,21 negli strumenti dell'Osservatorio è incominciata una impressionante, straordinaria registrazione: "Le ampiezze dei tracciati sono state così grandi che non sono entrate nei cilindri: misurano oltre 40cm. Da qualche parte sta succedendo qualcosa di grave"».

Il terremoto, che stava interessando l'area dello stretto di Messina, durò 37 secondi durante i quali danneggiò in modo gravissimo le città di Messina e Reggio Calabria e i paesi a esse vicini. Anche dal lato calabro i danni furono ingenti. Secondo il sismologo Baratta (1910) gli effetti del terremoto furono così forti da spingere Giuseppe Mercalli ad aggiungere l'XI e il XII grado alla scala macrosismica da lui stesso introdotta qualche anno prima, nel 1902.

Per quanto intenso fu il terremoto (che raggiunse i 7,1 gradi della scala Richter e tra XI e XII della scala Mercalli) gli enormi danni furono soprattutto conseguenza dell'inadeguatezza della maggioranza delle costruzioni dell'epoca in termini di protezione dal sisma. A tal proposito Fusakici Omori (sismologo giapponese) scrisse: «A confronto con quanto sarebbe accaduto in una città giapponese, per ogni 1000 vittime della città di Messina, 998 devono essere considerate una conseguenza della scarsa qualità delle costruzioni dal punto di vista sismico». Bisogna però osservare anche che gli effetti del terremoto furono amplificati dai danni subiti a causa dei terremoti precedenti del 1894, 1905 e 1907.