L'Americh. Tracce del Nuovo Mondo nelle Profezie di Nostradamus?

  • In Articoli
  • 29-01-2020
  • di Paolo Cortesi
img
Nelle sue Prophéties, Nostradamus ignora quasi completamente il Nuovo Mondo. Eppure, quando escono i suoi volumetti di profezie (1555-1558), sono in pieno svolgimento l’esplorazione e la colonizzazione del Continente Americano.

Il XVI secolo si apre proprio (1500) con il viaggio di Pedro Alvares Cabral alle coste del Brasile. Nel 1508 Pinzón e Solis raggiungono il Rio de la Plata. L’anno dopo, Sebastiano Caboto è a Terranova. Nel 1514 Hernando de Soto raggiunge Mississippi e Arkansas; nel 1525 Estêvão Gomez esplora la Florida.

Nel 1519 Magellano parte per il primo giro del mondo e Cortez sbarca nel Messico. Pizarro arriva nel 1532 nel Perù che conquisterà e devasterà l’anno successivo. Nel 1534 il francese Jacques Cartier raggiunge il Canada; nel 1536 Pedro de Alvarado fonda le città di Lima e Quito; nel 1545 sono scoperte le grandiose miniere d’argento di Potosí (ne ri[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.