Una cooperativa per Scienza & Paranormale

Come avevamo anticipato nel numero 10 di S&P è giunto il momento di verificare l'interesse dei nostri lettori e sostenitori nei confronti di un progetto molto importante per il CICAP.

IL PROGETTO

Negli otto anni trascorsi dalla sua fondazione il Comitato ha raggiunto, tra molte difficoltà, alcuni importanti risultati. Attraverso le sue iniziative, dai congressi alle conferenze alle pubblicazioni e la sua attività di ricerca, ha visto crescere progressivamente il numero degli abbonati e aderenti (ora circa 1200) e si è accreditato presso i media e buona parte dell'opinione pubblica più consapevole come il soggetto più autorevole e credibile in questo campo.

E' ora il tempo di guardare avanti e di porsi nuovi e più ambiziosi obiettivi. Si tratta di incrementare il numero delle nostre iniziative, di renderle più stabili nel tempo e di diffondere presso un pubblico molto più ampio un'informazione corretta sugli ambiti in cui operiamo: il cosiddetto paranormale e le pseudoscienze.

Il CICAP è nato su base strettamente volontaria e questa continuerà ad essere la sua natura. Siamo però tutti consapevoli che il rilancio delle nostre iniziative in termini più ambiziosi deve passare attraverso un consolidamento prima economico e poi organizzativo del Comitato.

Per queste ragioni è nata l'idea di coinvolgere tutti i lettori e simpatizzanti in un nuovo progetto: la trasformazione di Scienza & Paranormale in una cooperativa editoriale.

GLI OBIETTIVI DELLA COOPERATIVA

1. Costituire il capitale

Il primo obiettivo è, ovviamente, di natura economica e riguarda la costituzione del capitale della cooperativa.

Il progetto prevede la sottoscrizione da parte dei sostenitori di 2.000 azioni complessive, ognuna del valore di L. 100.000. In questo modo si riuscirebbero a raccogliere 200 milioni, cifra che ci consentirebbe di sviluppare le linee successive della nostra azione che sono precisate di seguito.

2. Promozionare la rivista

Scienza & Paranormale è una rivista che ha grandi possibilità di crescita. È per questo necessario prevedere di utilizzare parte del denaro raccolto per una campagna promozionale (spazi pubblicitari su quotidiani e periodici, mailing mirate) che ci consenta di raggiungere un pubblico più ampio dell'attuale.

3. Aumentare la periodicità della rivista

È un esigenza sentita da molti attuali lettori e un tassello importante per garantire un'informazione più puntuale e una comunicazione più efficace. Così la rivista diventerebbe da subito bimestrale per arrivare, dopo un anno di rodaggio, ad avere una periodicità mensile.

4. Distribuire la rivista nelle edicole

Tanti ce lo hanno chiesto in questi anni, poiché questo è un passaggio indispensabile per garantire al grande pubblico un'informazione corretta sui tanti argomenti trattati da Scienza & Paranormale.

Ma questo passaggio comporta un impegno che solo attraverso la cooperativa potremmo garantire, affidandoci ad un'agenzia di distribuzione che ci offra una copertura adeguata.

5. Aumentare la vendita della rivista

È la conseguenza delle tre azioni precedenti.

La nostra convinzione è che questo incremento possa essere significativo e che possiamo guardare, nell'arco di un biennio, ad un obiettivo di vendita di 8.000 copie come ad un traguardo ambizioso ma alla portata delle nostre forze.

6. Finanziare la rivista attraverso la pubblicità

E' una delle ricadute positive dell'aumento di tiratura e della vendita in edicola: la rivista può diventare uno strumento interessante per gli investitori pubblicitari, anche in considerazione del fatto che il suo "lettore medio" è sicuramente un "lettore qualificato".

7. Accedere ai contributi pubblici previsti dalla legge

L'attuale normativa prevede significativi finanziamenti per le cooperative editoriali.

La condizione per accedere a tali finanziamenti è la periodicità mensile della rivista, nonché il fatto che questa abbia un'anzianità di almeno cinque anni. In un ottica di medio periodo, ciò ci consentirebbe, quindi, di progettare gli sviluppi futuri della nostra attività con forza e serenità.

Da tutto ciò trarrebbe grande impulso l'azione del Comitato e la battaglia che tutti noi che lo sosteniamo giudichiamo decisiva: quella per l'affermazione di un rinnovato spirito critico e per il diffondersi della cultura scientifica nel nostro Paese.

Siamo, perciò, sicuri che anche i nostri lettori sceglieranno di condividere con noi questa nuova, decisiva sfida.

Ciò che chiediamo in questo momento è solo di rispedirci il tagliando sotto allegato indicandoci la propria disponibilità a sottoscrivere una o più azioni della cooperativa.

È chiaro che questo non impegna nessuno in alcun modo, una volta che verrà dato il via all'iniziativa, ad entrare effettivamente nella cooperativa versando le quote previste. Quello che ci interessa, in questo momento è, infatti, unicamente verificare, sulla base delle risposte che riceveremo, la fattibilità dell'iniziativa.

Sin d'ora, perciò, ringraziamo i lettori per l'attenzione e la disponibilità.