Il paladino del Creazionismo islamico dietro le sbarre

Pseudoscienze

  • In Articoli
  • 14-10-2008
  • di Daniele Formenti
Adnan Oktar, conosciuto in Europa per la pubblicazione e la distribuzione nelle scuole del suo Atlante della Creazione sotto lo pseudonimo di Harun Yahya, è stato condannato a tre anni di carcere in Turchia. Dovrebbe così finire il "bombardamento" dell'Europa con libri creazionisti diffusi gratuitamente: il creazionista turco Adnan Oktar che li scrive e li pubblica aveva già avuto una condanna a 9 mesi di carcere, scontata secondo lui in un settore sbagliato («I am a writer and researcher, and I still cannot understand why I was among psychiatric patients»).
image
Adnan Oktar.
Ora la situazione sembra più seria anche se ben poco chiara: Adnan Oktar, meglio noto in Europa con il nome di battaglia di Harun Yahya con cui firmava i suoi preziosi ma gratuiti volumoni che propagandavano il creazionismo islamico, ha avuto una condanna a tre anni di prigione. Lo riferisce un articolo della Reuters ("Turkish Islamic author given 3-year jail sentence").
Non si capisce comunque quali siano le accuse; un quotidiano spagnolo riporta notizie sul fatto che gestisse con metodi discutibili una setta con efficienti, ma poco islamiche, procedure di reclutamento. Improbabile, trattandosi di un paese musulmano, che le accuse riguardino il creazionismo, che nel suo paese non è certo malvisto… Strano che solo un mese fa la Turchia avesse bloccato ("Ban on Google Groups") alcuni settori di Google e YouTube dove si criticava proprio Adnan Oktar!

Daniele Formenti