Pseudoscienza, fantascienza e creazionismo

img
Edmond Hamilton (1904-1977), uno dei grandi autori della space opera americana, si interessò fin dall'avvio della sua carriera letteraria alle idee di Charles Fort (1874-1932), dalle cui opere trasse ispirazione per alcuni racconti, come “The Space Visitors”, pubblicato nel marzo del 1930 su Air Wonder Stories e “The Earth Owners”, uscito nell'agosto del 1931 su Weird Tales.

Fort, a partire dal celeberrimo The Book of the Damned (edito nel 1919), tra le molte altre speculazioni che avrebbero contributo allo sviluppo di quella che sarebbe diventata nota come la 'teoria degli antichi astronauti', aveva ipotizzato che «l'evoluzione sulla Terra sia stata indotta da influenze esterne». Una posizione chiaramente antievoluzionistica, che portava avanti una nuova forma di creazionismo (già presente da tempo negli ambienti della Società Teosofica), in base alla quale la comparsa dell'homo sapiens sulla[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.