Eco, Veronesi e Boncinelli entrano nel CICAP

Da sempre l'assonanza tra il CICAP e questi tre grandi personaggi della cultura e della scienza italiana è stata molto forte. È recente, però, la loro adesione formale al Comitato. Umberto Eco, Docente di semiotica all'Università di Bologna e scrittore universalmente noto, è il nuovo Membro Onorario che si va ad affiancare ai due Premi Nobel Carlo Rubbia e Rita Levi Montalcini. Il sostegno di Eco al CICAP è sempre stato manifesto, sia nei suoi interventi su l'Espresso che nei suoi libri, quanto nella sua partecipazione a iniziative particolari, come il suo intervento al Convegno per i dieci anni del CICAP e la sua partecipazione al volume 11/9. La cospirazione impossibile.
Umberto Veronesi, medico, chirurgo e Senatore della Repubblica, noto in tutto il mondo per le sue ricerche sul cancro, ha di recente accettato l'invito di diventare nuovo Garante Scientifico del CICAP fattogli dal Segretario.
Ha scritto Veronesi a Polidoro:
Stimando la professionalità del Suo lavoro e l'obiettivo del Comitato, la difesa della scienza e la lotta ad ogni forma di superstizione e pregiudizio sono lieto di unire il mio nome alla rosa di personalità del mondo intellettuale e scientifico che hanno già positivamente aderito. Voglio in particolare esprimere il mio apprezzamento per il lavoro del Comitato, che sottolinea come ogni azione e ogni pensiero possono essere effetto di importanti miglioramenti e grossi benefici per la collettività, ma altrettanto possono essere causa – proprio per l'aspetto ambivalente contenuto in ogni cosa – di piccoli o grandi danni. Un concetto che ha valore anche e soprattutto in campo scientifico perché la scienza non è a sé ma per l'universalità. Dunque ogni suo principio, messo al servizio dell'umanità intera, va soppesato con profonda consapevolezza, ne vanno valutati i risvolti etici e morali, ne devono essere considerate tutte le possibili applicazioni affinché il fine ultimo sia la crescita verso un obiettivo. Il pensiero scientifico potrà essere definito "buono" se sarà in grado di non allontanarsi dal suo ruolo civilizzatore e di avvalersi della forza della ragione, necessaria per contrastare movimenti antiscientifici e irrazionali.

Anche Edoardo Boncinelli, il famoso genetista, già direttore della Scuola Internazionale di Studi Avanzati di Trieste e Presidente della Società italiana di Biofisica e Biologia Molecolare, ha accettato con entusiasmo di aderire al CICAP. Questo il suo messaggio di accettazione del nuovo ruolo di Garante Scientifico:
La scienza è innanzitutto produzione e accumulazione di conoscenze, ma anche una sorgente di applicazioni pratiche sempre più numerose e potenti, e infine l'ispiratrice e la principale sostenitrice di una forma mentis che predilige la razionalità, lo spirito critico, la tolleranza e la disposizione all'ascolto. In questa sua triplice veste – senza dimenticare il suo fondamentale contributo alla Cultura con la C maiuscola – la scienza può essere di fondamentale utilità per il consorzio umano e per i singoli. Questo suo ruolo va però difeso, sul piano della considerazione del suo vero ruolo e su quello dei suoi contenuti. Sul piano della sua percezione da parte dell'uomo della strada occorre contrastare le diffidenze, i pregiudizi, le sottovalutazioni e le fughe verso il mistico e l'irrazionale. Sul piano dei contenuti occorre combattere i malintesi, le inesattezze e le vere e proprie fandonie, le quali screditano il pensiero scientifico stesso e ne forniscono un ritratto caricaturale. È in questa ottica che apprezzo molto il lavoro del Comitato e sono onorato di essere chiamato a fungere da Garante scientifico dello stesso. Non si può essere cittadini di una Stato moderno e più in generale del mondo se non si coltiva e non si propaganda una giusta valutazione della scienza e della razionalità. Personalmente non ho nulla contro l'irrazionalità – non è possibile espellerla dal mondo – ma odio la falsa razionalità, un atteggiamento argomentativo che si proclama razionale ma che razionale non è.