Torna Magia con la direzione di Alex Rusconi

img
La rivista Magia, fondata nel 2004 da Massimo Polidoro, che l'ha diretta fino al 2018, passa nelle mani di un nuovo direttore editoriale, il prestigiatore e scrittore bresciano Alex Rusconi. Alex, collaboratore della rivista fin dal primo numero, è stato scelto come suo successore proprio da Massimo Polidoro che continuerà a seguire la sua creatura nelle vesti di direttore responsabile.

«Era necessario trovare una persona disposta a prendersi in carico un progetto indubbiamente affascinante, ma anche non poco oneroso» spiega Polidoro, direttore generale del CICAP, scrittore e conferenziere. «Adoro da sempre l'arte dell'illusione e sono molto affezionato a Magia, ma i tanti impegni mi hanno reso sempre più difficile potermici dedicare con il tempo che la rivista merita. Affatto facile, però, trovare qualcuno che potesse prendere l'incarico al posto mio. Serviva una persona che fosse un profondo conoscitore di tutto ciò che fa di Magia una testata unica nel panorama magico-letterario del nostro Paese (e non solo). Qualcuno che non solo amasse la storia dell'illusionismo, ma che avesse anche un talento nella scrittura, un'ottima capacità di ricerca storica e, perché no, un buon gusto grafico».

La scelta non poteva che cadere su Alex Rusconi che, da subito, ha messo a disposizione il suo talento e il suo entusiasmo. «Questa rivista che ho visto nascere e alla quale collaboro fin dal primo numero» dice Rusconi «è sempre stata per me un punto di riferimento fondamentale, un vero e proprio faro nel buio per quanto riguarda la storia e la cultura magica, argomenti che nel nostro paese sono sempre stati claudicanti. Assumerne la direzione editoriale significa per me accettare una sfida che rappresenta al tempo stesso una grande soddisfazione e un'enorme responsabilità. Cercherò con tutta la mia passione e tutto il mio impegno di essere all'altezza di questo compito prendendomi cura di questa rivista per continuare a garantirne i contenuti di qualità, conscio dell'incredibile e straordinario lavoro svolto, nonostante i tanti impegni, da chi mi ha preceduto».

Magia, edita dal CICAP, è una rivista-libro semestrale unica nel panorama nazionale. Nasce infatti come contenitore di articoli di carattere soprattutto culturale, con una particolare attenzione alla storia della magia e alla psicologia della prestigiazione. Non mancano approfondimenti su temi cari al mondo dei prestigiatori come il mentalismo e il gambling e, naturalmente, vengono affrontate anche le implicazioni legate ai numeri magici: esposti però senza limitarsi a svelarne i trucchi, bensì con un occhio di riguardo alla storia, gli aspetti psicologici, le finezze della presentazione e le varianti possibili soprattutto dei giochi considerati classici.

Una rivista, insomma, per palati fini e per appassionati esigenti che, fin da subito, ha annoverato tra le fila degli abbonati non solo prestigiatori e amatori di quest'arte ma anche studiosi, ricercatori, psicologi e professionisti di settori affini oltre, ovviamente, agli aderenti al CICAP che qui possono soddisfare la loro curiosità intelligente.

La linea editoriale della rivista non cambia, così come le collaborazioni eccellenti di cui la testata gode fin dalla sua nascita, su tutte quelle di Silvan e Raul Cremona, che hanno già garantito la prosecuzione delle rispettive rubriche.

Con la nuova direzione sono stati però decisi alcuni piccoli cambiamenti, soprattutto sul fronte grafico: cambia la copertina e il carattere della rivista così come alcuni accorgimenti estetici e di impaginazione per rendere la testata più moderna e aumentarne la leggibilità.
Nelle intenzioni di Alex Rusconi c'è anche una maggiore diffusione della rivista che affiancherà al classico abbonamento anche la possibilità di acquisto presso rivenditori autorizzati in tutta Italia.
Il numero 20, il primo diretto da Rusconi affiancato da Polidoro, in un ideale passaggio del testimone, sarà pronto nei prossimi giorni e si preannuncia ricco si spunti e argomenti interessanti.

Tema portante del numero saranno la memoria e le “magie” mnemoniche, branca interessantissima del mentalismo che il lettore potrà approfondire accompagnato da Vanni De Luca, massimo esponente della categoria. La parte storica, curata dallo stesso Rusconi, è dedicata al Conte Ernesto Patrizio di Castiglione, straordinario artista ottocentesco sconosciuto anche alla maggior parte dei prestigiatori.

Nella sua rubrica, Silvan offrirà ai lettori un'intervista impossibile con uno dei padri dell'illusionismo moderno, Howard Thurston, mentre i mentalisti Borrini, Busani e Vellucci proporranno al lettore la loro visione dell'etica del mentalismo, con un vero e proprio Manifesto che vuole fungere da punto di riferimento storico sull'argomento.

Pierangelo Garzia ci parlerà delle “false memorie” mentre Leonardo Carrassi ci porterà indietro nel tempo alla scoperta della fiera inglese di Saint Bartholomew. Non mancherà il “Tavolo verde” di Gianfranco Preverino, il re dei bari, e la rubrica dedicata alle recensioni con ben quattro volumi di grande interesse
L'appuntamento è dunque con il numero 20 di Magia. Per ricevere la rivista (2 numeri all'anno) ci si può abbonare qui: https://www.cicap.org/new/magia_abbonamento.php