Comprendere gli algoritmi di Machine Learning per evitare un approccio superstizioso alle tecnologie

  • In Articoli
  • 17-07-2018
  • di Davide Passaro
img
Quasi tutte le maggiori aziende del settore tecnologico, da Google ad Apple passando per Samsung, Huawei e Facebook stanno promuovendo con sempre maggiore intensità un “nuovo prodotto”, che è oramai un protagonista emergente dello sviluppo industriale: l’Intelligenza Artificiale.

Per motivi commerciali, le aziende usano questo termine anche se in molti casi il termine più adeguato sarebbe quello di “Machine Learning” (ML) ovvero, in italiano, “apprendimento automatico”. Con questo termine si intende quel particolare campo dell’Intelligenza Artificiale che riguarda l’insieme degli strumenti sviluppati per permettere a un dispositivo di apprendere e prendere decisioni in autonomia senza essere stato esplicitamente programmato.

Tutti noi utilizziamo e utilizzeremo sempre più dispositivi (per esempio il cellulare, o nel prossimo futuro l’automobile) che riconoscono il nostro volto, rispondon[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.