Esplorando superstizione e pseudoscienza in India

nel trentennale del Comitato per lo Sradicamento della Fede Cieca

  • In Articoli
  • 23-04-2020
  • di Stefano Bigliardi
img
Dal primo momento in cui ho cominciato a interessarmi di superstizione e pseudoscienza in India ho provato un senso di timore reverenziale. Non per superstizione e pseudoscienza, ovviamente, ma per la vastitŕ e la complessitŕ del subcontinente indiano. Se č inevitabile cadere in semplificazioni ogni volta che si cerca di trattare in termini divulgativi di un argomento relativo all’India, mi dicevo, questo vale a maggior ragione per campi molto articolati e complessi come quelli di cui volevo occuparmi. In tutta onestŕ, non sapevo proprio da dove cominciare. A cavarmi d’impaccio č arrivato, nel giugno dell’anno scorso, un graditissimo invito, quello dell’ANiS, Andhashraddha Nirmoolan Samiti, il Comitato per lo Sradicamento della Fede Cieca, fondato dal Dr. Narendra Dabholkar (1945-2013) [vedere box a fondo pagina] e attivo nello Stato del Maharashtra, nell’India centro-occidental[...]
L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.