Come le catene di sant'Antonio conquistarono l'Italia

  • In Articoli
  • 27-01-2020
  • di Floriana Giuganino e Giuseppe Stilo
img
Un esempio inglese di “lettera dal cielo”, probabilmente collocabile al XVIII secolo (immagine di pubblico dominio).
Anche se da qualche decennio non le troviamo più nella cassetta della posta, almeno come lettere anonime dalla prosa più o meno improbabile, la gran parte degli italiani ha sentito parlare delle “catene di sant’Antonio”. Sono state famosissime nei decenni scorsi, ma, in forme diverse dal passato, esistono tuttora. Grazie alla telematica sono più vive che mai, anche se si sono trasformate.

Nonostante questa enorme popolarità e diffusione, fino a poco tempo fa non c’era stato un tentativo sistematico di capire come le catene (e in particolare quelle che contengono vari tipi di “preghiere”, di cui noi due ci siamo occupati di più) sono nate in Italia, quando e dove sono comparse, chi cominciò a diffonderle, da dove arrivarono e come son riuscite a sopravvivere a diversi cambiamenti sociali.

Eppure, questi foglietti manoscritti, dattiloscritti, fotocopiati o stampati ci aiutano a capire molt[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.