Smartphone sì, smartphone no

img
©Yura-fresh
Le nuove tecnologie informatiche hanno sicuramente modificato in profondità le nostre abitudini di vita e suscitato di conseguenza reazioni contrastanti. Da un lato c’è chi ne esalta le prestazioni e le potenzialità, dall’altro c’è chi invece le demonizza sottolineando il loro aspetto pervasivo e totalizzante.

Analoghi atteggiamenti estremisti si ritrovano nel mondo della scuola. Se le partigianerie sono inevitabili nella vita quotidiana, il mondo della scuola e le istituzioni preposte alla sua gestione dovrebbero al contrario avere un approccio più razionale. Anziché emettere giudizi su base puramente soggettiva e spesso emotiva, ci si dovrebbe basare su concreti elementi di valutazione: le nuove tecnologie possono influire su quello che è l’obiettivo fondamentale di ogni istituzione formativa, ovvero l’apprendimento da parte degli allievi?

Questo atteggiamento raramente si riscontra e [...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.