UFO in Russia

Ancora UFO. Questa volta, le notizie giungono dall'ex URSS. Caduta la cortina di ferro, crollato il muro di Berlino, si svelano anche i segreti del Kgb sulla presenza di oggetti extraterrestri avvistati in territorio sovietico. Il bollettino mensile del ministero della difesa rivela ora i dati di registrazioni tenute nascoste per anni. Registrazioni che testimoniano di numerosi casi di avvistamenti di UFO, operati da piloti dell'Aereoflotte, e taciuti dai diretti interessati per timore di essere accusati di umori mistico-religiosi o di venire sottoposti a cure psichiatriche, perdendo così il posto di lavoro.

Ancora più sconcertante un'altra rivelazione. Durante la guerra del Vietnam, velivoli sovietici intercettarono un oggetto volante a forma di disco. Non avendo avuta risposta all'ordine di atterrare, gli aerei russi spararono alcuni missili contro l'UFO. La risposta non si fece attendere: dall'oggetto partì un raggio laser che, secondo un ex ufficiale dell'armata rossa, colpi la città di Hanoi provocando la morte di 200 persone. La notizia non è stata confermata, ma è certo che da allora fu dato l'ordine tassativo di non sparare contro gli oggetti non identificati.

In un altro caso un raggio sparato da un UFO avrebbe colpito la cabina di un aereo di linea sovietico. I due piloti, a poca distanza di tempo, si ammalarono. Il comandante morì per un'inspiegabile malattia che gli sbriciolò le ossa, mentre il copilota finì su una sedia a rotelle. Ma, come ammettono gli stessi responsabili del ministero della difesa, l'unico incontro programmato con gli alieni è fallito. Gli extraterrestri avevano annunciato tramite una medium la loro presenza a Baikonur per il 15 marzo del '91. Niente da fare: non si sono presentati all'appuntamento.

Questi episodi ci testimoniano, se non altro, del pessimo carattere di questi viaggiatori interstellari: vendicativi, irascibili e perfìno un po' maleducati. Insomma a non conoscerli non si perde niente.

 

 

image
"I russi abbattono un UFO" nella fantasia dei redattori di questo popolare periodico americano