Il "falso" di Lourdes e la scienza bistrattata

  • In Articoli
  • 12-05-2004
  • di Corrado Lamberti

Dopo le nostre critiche al superficiale articolo di Vittorio Messori sul Corriere della Sera, in cui l'autore cercava vanamente di sostenere che la Rivoluzione Francese sarebbe stata profetizzata dagli astrologi mille anni prima (vedi S&P 49, p. 12), Messori si è chiuso nel silenzio e il Corriere si è guardato bene dal pubblicare la doverosa smentita. Una caduta di stile che non ci si aspetterebbe da un grande quotidiano ma, purtroppo, ho dovuto rilevare che non si tratta di un inciampo occasionale. È capitato ancora.

Mercoledì 13 agosto 2003, ancora nella Terza Pagina del Corriere, Vittorio Messori parte lancia in resta contro gli increduli sulle apparizioni di Lourdes. Si dice che qualche settimana prima dell'inizio delle apparizioni a Bernadette, il procuratore generale di Pau avrebbe scritto una lettera al procuratore di Lourdes, datata 28 dicembre 1857, per metterlo in guardia contro "manifestazioni simulanti un carattere sovrannaturale e miracoloso" che qualcuno si apprestava ad architettare e di cui lo scrivente, per via traverse, era venuto a conoscenza. La lettera - vera o falsa che fosse - venne sbandierata nel 1906 da chi, nutrendo scetticismo riguardo a Lourdes, denunciava che si era trattato solo di una truffa ben orchestrata ai danni della credulità popolare, di cui le autorità del tempo erano al corrente. Ma ora René Laurentin, che Messori presenta come il massimo studioso dei fatti di Lourdes, sulla base "di una documentazione inattaccabile" ha finalmente dimostrato che quella lettera è storicamente falsa. In che modo? Sogghigna beffardo Messori: "Il falsario dimenticò di controllare il calendario del 1857. Se l'avesse fatto, si sarebbe accorto che, quell'anno, il 28 dicembre era una domenica. Dunque, gli uffici giudiziari erano chiusi" e la lettera non sarebbe potuta partire quel giorno.

Falsario, forse. Ma non stupido. Sono invece René Laurentin e Messori a non aver controllato a dovere, perché il 28 dicembre 1857 era un lunedì. Il che non dimostra che la lettera sia vera; né deve minimamente scalfire la fede mariana in chi ce l'ha (la vera fede non vacilla per le confutazioni "scientifiche", né sente il bisogno di appoggiarsi a dimostrazioni di natura razionale). Ma era lunedì: crolla l'assunto e con ciò il senso dell'articolo. E non si capisce come mai il Corriere prima pubblichi una sciocchezza senza controllarla e poi eviti di pubblicare due righe a correzione (inviate!). Faccia con calma tutte le sue verifiche Messori e abbia la correttezza di ammettere l'errore: per facilitargli il riscontro con un calendario a cui dovrebbe essere più avvezzo, quello liturgico, prenda nota che la Pasqua 1857 cadde il 12 aprile.

Sapete cosa disturba maggiormente in episodi come questi? Non è il dover prendere atto dell'ignoranza scientifica e del pressappochismo che alberga nelle redazioni anche dei nostri maggiori quotidiani: che ci voleva a sottoporre preventivamente lo scritto all'attenzione dei redattori che curano le pagine scientifiche? Disturba che se il redattore avesse sbagliato non dico la desinenza dell'ablativo di una citazione latina, ma la nazionalità di una top model, oppure anche di un solo minuto l'istante del gol di Vieri, apriti cielo! Chissà le lavate di capo, e comunque non sarebbe mancato l'errata-corrige, con tanto di scuse ai lettori.

La scienza, invece, non merita questo trattamento: la si può affrontare con assoluta leggerezza. Sotto sotto si pensa che il lettore non si avvede degli svarioni e che perciò il giornale non paga alcun prezzo in termini di credibilità. Invece no, un prezzo deve essere pagato: alla lunga ne guadagna la qualità. Il mio apparente accanimento nei confronti del Corriere ha questo senso preciso. E se anche le istituzioni scientifiche, con il loro peso e la loro credibilità, ogni tanto bacchettassero chi maltratta la scienza, dimostrando di essere attente ed esigenti sulla qualità dell'informazione scientifica, non sarebbe meglio per tutti? Anche per i quotidiani, intendo, che sarebbero sollecitati a una maggiore attenzione, oltre che per i lettori.

Corrado Lamberti
Per gentile concessione de Le Stelle