Di cosa parliamo quando parliamo di riproducibilità nella scienza

Uno spettro si aggira per i laboratori e gli uffici di scienziati e ricercatori: lo spettro della “crisi della riproducibilità”. Tutte le principali riviste scientifiche hanno in questi ultimi anni iniziato una battuta di caccia contro questo spettro: editoriali, articoli di commento e veri e propri studi cercano di capire se davvero gran parte della letteratura scientifica sia da buttare, se la situazione stia peggiorando in modo incontrollato e cosa si possa fare per mettervi rimedio.

Che cosa sta succedendo?

I lettori di questa rubrica sanno che la riproducibilità (di una misura, di un esperimento, di un risultato) è una delle basi della costruzione della conoscenza scientifica: il processo di peer review assicura un minimo di qualità dei lavori pubblicati su una rivista scientifica, ma non può in alcun modo garantire che il risultato sia corrett[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.
accessToken: '2206040148.1677ed0.0fda6df7e8ad4d22abe321c59edeb25f',