Intervista a Roberto Vacca

Due parole con un grande scettico

  • In Articoli
  • 31-12-2000
  • di Emiliano Farinella
image
Roberto Vacca
La tensione fra razionalismo e irrazionalismo su che stati di equilibrio potrebbe assestarsi in futuro nel medio e lungo termine?

La tensione fra razionale e irrazionale ha sempre accompagnato gli esseri umani e ogni individuo in particolare. Corriamo sempre il rischio di ragionare male. In matematica si dice "calcolo fatto - calcolo sbagliato": dunque dobbiamo ricontrollare di continuo.
Calderon de la Barca scrisse:

"Señales son del juicio - que todos lo perdemos:
Unos por cartas de mas - y otros por cartas de menos."


Certi cabalisti ebrei spagnoli sostenevano che le loro capacita' razionali erano così potenti che potevano dedurre la verità su ogni possibile questione, partendo da premesse qualsiasi. Mentivano.
Su molte cose non possiamo dire niente di sensato (e meno che mai razionale) perché mancano dati o perché è dimostrato che certe cose non si possono sapere (v.in merito il recente libro di Barrow IMPOSSIBILITY).

Secondo lei rischiamo di finire in una società divisa tra Eloi e Morlock?

Wells nella Macchina del Tempo prefigurava un mondo futuro di Eloi (esseri umani belli, eterei e un po' sciocchi) che vivevano in superficie e Morlock (brutti, cattivi, cavernicoli). Diventeremo così? Nessuno può dirlo, ma certo il genere umano è composto in gran parte di ignorantoni. La cosa grave è che chi capisce qualcosa fa troppo poco per diffondere conoscenza e fare in modo che altri gli somiglino. Facciamolo. (io lo faccio da tempo).

Far pendere la bilancia dal lato del razionalismo che vantaggi offrirebbe, e basterebbe da solo a migliorare globalmente la qualità della vita? Cosa fare oggi per far pendere la bilancia da questa parte?

Per migliorare la qualità della vita non basta insistere sulla razionalità - ci vogliono tante altre facoltà che solo indirettamente possono essere dedotte col ragionamento: coraggio, intuito, gusto, vitalità, costanza, sentimenti -- e molte sono anche difficili da definire. Dunque propagandare razionalità va bene, dato che ne gira poca, ma non è certo IL rimedio finale.