Il principio di verificazione e il ragionamento induttivo

  • In Articoli
  • 12-12-2017
  • di Manuele De Conti
img
Il principio di verificazione è un procedimento di attestazione e prova di affermazioni, e un criterio per stabilire quali proposizioni hanno significato, neopositivistico; è stato quindi elaborato dalla corrente filosofica che si propone di dare legittimazione logica alla conoscenza scientifica. Vediamo da vicino in cosa consiste e quale rapporto intrattiene con il ragionamento induttivo.

Per i neopositivisti, un enunciato ha significato se è sempre vero, ossia se è una tautologia (enunciato analitico), oppure se è conforme al piano empirico (enunciato sintetico).

Gli enunciati analitici o tautologie sono sempre veri in virtù del loro senso. Ad esempio, dire che un «uomo celibe è un uomo non sposato» è una tautologia, ossia un enunciato sempre vero poiché la definizione di «celibe» è proprio «uomo non sposato». Tali enunciati, quindi, sono sempre veri in virtù della definizione dei loro[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.