AAA Soci attivi cercansi

img
Teatro pieno per il CICAP Fest 2019.
Che cos’hanno in comune Marche, Sardegna e Trentino Alto Adige? Sono tutte regioni in cui non esiste ad oggi un gruppo locale CICAP, ma ci sono dei nuclei di soci volenterosi in rete fra loro, che stanno lavorando per costituirne uno e che organizzano di tanto in tanto delle iniziative. Inoltre è (splendida) notizia di questi giorni la rifondazione del gruppo Campania, con coordinatore Roberto Paura: vi racconteremo di più nel prossimo numero di Query. L’appello quindi per chi desidera sostenere la nostra associazione e il pensiero critico, in queste (o in altre) regioni, è di farsi avanti scrivendomi a [email protected] Oggi come trent’anni fa, infatti, essere volontari di un gruppo locale continua ad essere uno dei modi più efficaci e coinvolgenti per sostenere il CICAP. Sappiamo che un diffuso pregiudizio sul CICAP vuole che per partecipare si debba essere tutti scienziati, o luminari in qualche disciplina. Non è così! Per far parte di un gruppo locale è necessario solo essere soci del CICAP, disponibili al gioco di squadra e di natura curiosa. Di recente, è stata aggiornata la pagina dedicata ai Gruppi locali sul sito www.cicap.org e anche lì troverete numerose informazioni e collegamenti ad altri articoli utili per conoscere meglio la nostra vita associativa, e in particolare quella dei gruppi.

Cogliamo l’occasione infine per comunicare un passaggio di testimone al coordinamento del CICAP Sicilia, dal fisico Gigi Cappello allo psicologo Salvatore Mazzaglia. Ringraziamo il coordinatore uscente per tutto ciò che ha fatto in questi sei anni e facciamo i migliori auguri al nuovo coordinatore!

Eventi


Abruzzo


L’11 luglio Aristide Saggino e Luciano Di Tizio del CICAP Abruzzo e Molise hanno partecipato alla serata “EPPUR SI MUOVE. Galileo Galilei, la condanna, la scienza” organizzata insieme a WWF Chieti-Pescara nell’ambito della rassegna ViviTeate 2019.

Friuli Venezia Giulia


Il 19 ottobre pomeriggio si è svolta la conferenza “Ma quanto è difficile parlare di scienza!” di Giuliano Bettella. L’evento è stato organizzato dal Comitato Rione Centro di Monfalcone, che lo ha ospitato nella propria sala incontri a Monfalcone (GO).

Lazio


Il 10 ottobre si è svolta a Roma la Razionale Alcoolica con Barbara Gallavotti di Superquark, dal titolo: “Dietro le quinte di Superquark”, presso il Lochness Pub.

Lombardia


Numerosissimi gli eventi organizzati dal gruppo locale in estate e autunno.

Appuntamenti con la Razionale Alcoolica presso il pub “La Frottola” di Vigevano (PV):
  • 19 giugno: “La storia del cibo”, di Stefano Papi
  • 19 luglio: “Il mistero del passaggio a Nord Ovest”, di Gaia Canal
  • 24 settembre: “Alla ricerca della Terra piatta”, di Rodolfo Rolando
  • 16 ottobre: “L’impresa dell’Apollo 11”, di Patrizia Caraveo

Conferenze presso l’Osteria dell’Utopia a Milano:
  • 27 giugno: “Astrobufale”, di Luca Perri
  • 18 luglio: “Un mare di plastica”, di Stefano Bertacchi
  • 26 settembre: “Bufale: rischi ed errori cognitivi”, di Andrea Grignolio
  • 24 ottobre: “Materia ed energia oscure”, di Stefano Covino

L’11 ottobre si è svolta la Cena Magica di raccolta fondi organizzata dal CICAP Lombardia con i prestigiatori Carlo Faggi, Matteo Baroncini, Alessandro Serban e Kristian Taglietti, presso il Podere Le Antiche Ruote (Senago, MI).

Il 12 e 13 ottobre il gruppo ha curato uno stand del CICAP a “Stranimondi”, fiera del libro fantastico, presso la Casa dei Giochi di Milano.

Marche


Il 20 ottobre pomeriggio Stefano Marcellini e Silvano Cavallina del CICAP Emilia Romagna hanno partecipato a “Fermhamente”, il festival della scienza di Fermo, con un intervento dal titolo “Ci posso credere? L’approccio scientifico per orientarsi nel mondo del sentito dire”.

Puglia


Sabato 30 novembre si svolgerà il Secondo Convegno regionale del CICAP Puglia, dal titolo “ESOTERISMO SCIENZA E FALSA SCIENZA. La difficile ricerca di un confine” presso l’Università di Bari, in collaborazione con il Seminario di Storia della Scienza UNIBA.

Toscana


Il 5 ottobre pomeriggio presso SMS Rifredi a Firenze si è tenuta una riunione aperta a tutti i soci e simpatizzanti del CICAP in regione, con l’obiettivo di presentare il gruppo locale della Toscana e condividere l’esperienza di essere soci attivi.

Dal 30 ottobre al 3 novembre il gruppo partecipa con uno stand a “Lucca Comics &Games”.

Valle d’Aosta


Il 25 settembre si è svolto il secondo corso del CICAP VdA rivolto all’Ordine dei giornalisti, con relatrice Eleonora Galmozzi e titolo: “Fake news in sanità, conoscerle per evitarle”. Il corso era riservato ai giornalisti iscritti alla formazione e ai soci locali.

Veneto


Il gruppo ha presentato tre conferenze a Chioggia:
  • 21 giugno: “Medicina Naturale” di Massimo Albertin
  • 4 luglio: “Cibo Contro Natura” di Andrea Mantoan
  • 19 luglio: “Chi ha paura della chimica?” di Luigi Garlaschelli

Inoltre il 19 ottobre il Festival della Scienza dell’Alto Vicentino a Schio ha preso il via con una conferenza di Paolo Attivissimo su fake news, bufale e leggende metropolitane.
image
©Cristina Visentin


Fantasmi e alchimia: indagine sulla masseria più misteriosa della Puglia


di Gabriele Vozza e Lisa Signorile

L’indagine presentata dal CICAP Puglia nel corso del CICAPFest e condotta da Gabriele Vozza con Lisa Signorile riguarda la cosiddetta "masseria più infestata della Puglia". A San Basilio, frazione di Mottola (TA), sorge la masseria-fortilizio del Casino del Duca; la struttura, nel corso del tempo, è diventata meta sia di ghost hunter locali sia di reporter desiderosi di raccontare le vicende del luogo su riviste e online. Due sono le principali leggende che circondano la masseria. La prima riguarda la presenza nel casolare del fantasma di Riccardo de’ Sangro, morto suicida per amore all’interno del Casino. La seconda, legata anch’essa al cognome de’ Sangro, riporta l’esistenza di simboli alchemici nell’edificio: i ghost hunter sostengono che vi sia una quantità anomala di forni con funzione simbolica. Vista la diffusione di queste voci, si è ritenuto opportuno investigare in modo sistematico e scientifico, per verificare se ci fossero davvero fenomeni anomali in questo enorme edificio seicentesco in rovina. L’indagine si è sviluppata in tre fasi. Nella prima, si è acquisita la documentazione storica, incluse le planimetrie, consultando fonti storiche ufficiali per capire l’origine delle leggende che circondano il posto. La seconda fase ha riguardato l’esplorazione della masseria per raccogliere indizi e documentazione fotografica sia della struttura sia dei presunti simboli alchemici. Nella terza, si è studiata la documentazione raccolta, per approfondire il possibile uso esoterico della masseria in tempi recenti, grazie anche all’assistenza di un esperto esterno. L’esame dei documenti storici ha permesso di ricostruire la vera storia del suicido di Riccardo de’ Sangro, morto a Napoli e non a Mottola, smentendo le ricostruzioni dei ghost hunter. Le dicerie sulle pratiche di alchimia nascerebbero dalla connessione con l’alchimista Raimondo de’ Sangro, ma ancora una volta le fonti storiche, le planimetrie e il rilievo condotto smentiscono qualsiasi pratica alchemica. Infine, si è smentito l’uso moderno della masseria per fini esoterici. La masseria, con la sua storia e la sua imponente struttura comprendente due ipogei, è di straordinaria importanza per l’heritage culturale della zona e meriterebbe un destino migliore rispetto all’essere meta di sedicenti acchiappafantasmi e ragazzi in cerca di avventure horror. L’indagine vorrebbe quindi affrancare la masseria dalle leggende che circolano su di essa, aprendo il luogo a studiosi in grado di recuperare e valorizzare il posto.