Multidisciplinarità o a ogni docente la sua materia?

Riflessioni sul nuovo esame di stato

img
Nel momento in cui scrivo, si stanno concludendo in tutta Italia gli esami di stato del II ciclo, ovvero il vecchio esame di maturità. Quest’anno vi sono state diverse novità che erano state introdotte per decreto nel 2017 dal governo Gentiloni e sono state poi convertite in legge nel 2018.

I mass media si sono ampiamente occupati di queste novità, concentrandosi soprattutto sul colloquio. Da quest’anno, infatti, il colloquio di esame prende il via dalla scelta, da parte del candidato, di una di tre buste preparate preventivamente dalla commissione. Queste buste possono contenere una poesia, un brano, un’immagine, un grafico, una formula, una tabella, ecc. Il contenuto della busta estratta costituisce lo spunto a partire dal quale il candidato deve trovare collegamenti con le varie discipline oggetto di studio nell’ultimo anno di corso. Come sempre accade, si è assistito a una doppia pol[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.