Nuovi dubbi sulla autopsia dell'alieno

II clamore intorno al filmato dell'autopsia ad un presunto alieno (vedi S&P n. 8) si è ormai spento, ma continuano i commenti sull'improbabilità che il filmato possa essere reale. Ecco una serie di argomentazioni sollevate da diversi scettici su Internet:

1. Il falso della Sindone di Torino è stato un grande successo per più di seicento anni. Centinaia di articoli, libri e tesi sono state scritte a sostegno della veridicità dell'oggetto. Poi, dall'analisi del Carbonio 14, è risultato che si tratta di una contraffazione del XIV secolo, esattamente come sempre sostenuto dalle autorità ecclesiastiche e dagli scettici.

Se i proprietari di questo filmato avessero offerto l'originale intero alla Kodak (invece di pochi centimetri di pellicola) si sarebbe potuto sapere molto di più. Se Santini voleva dimostrare che il film era stato veramente girato nel 1947, perché ha dato alla Kodak così pochi fotogrammi? Di solito la Kodak riesce a risalire alla data di produzione delle pellicole.

Un portavoce della Kodak ha riferito ufficiosamente di essere convinto che la faccenda è un imbroglio.

2. Se il governo statunitense non è stato in grado di tenere nascosto il Watergate, come avrebbe potuto nascondere al pubblico il più importante evento della storia? Decine di persone avrebbero dovuto essere coinvolte nell'isolare, maneggiare, studiare, spostare e conservare gli alieni. Come impedire di parlare a tutti costoro?

3. Si può credere veramente che l'evento più importante della storia umana sia stato filmato con una cinepresa a mano e in bianco e nero, con l'operatore che si muoveva continuamente e che stentava a mettere a fuoco? La semplice installazione di un supporto gli avrebbe dato la necessaria chiarezza di ripresa e una base stabile.

4. E' improbabile che un alieno di un altro pianeta (risultato di una diversa sequenza evolutiva) abbia proprio una forma umanoide. Anche sulla terra c'è un'enorme varietà di forme che avrebbero potuto sostituirci e che potrebbero farlo ancora, ma nessuna di queste è così umanoide come questo presunto alieno proveniente da un altro pianeta.

5. L'alieno del film aveva sei dita nelle mani e nei piedi, eppure i testimoni di Roswell (il posto in cui sarebbe caduto l'ufo con gli alieni) avevano descritto alieni con quattro dita. Un errore dei falsari?

6. L'alieno ha un aspetto coincidente con quello descritto dalle persone che dichiarano di essere state rapite dagli extraterrestri, dalla bassa statura ai grandi occhi neri da insetto. Questo aspetto venne creato per uno dei primi episodi della serie di telefilm di fantascienza Ai confini della realtà e fu in seguito adottato dai coniugi Hill e da tutte le vittime dei "rapimenti alieni" per esperimenti sul sesso terrestre.

7. I due personaggi vestiti di bianco non mostrano alcun interesse per gli organi estratti, nessun tentativo di misurarli o esaminarli o anche solo di rigirarli. Li tirano semplicemente fuori e li mettono in un secchio senza fotografarli o disegnarli neppure. Gli abiti non servono per proteggersi dalle radiazioni e non ci sono contatori Geiger o altri rivelatori di radiazioni in vista.

8. Un falso alieno di plastica e tutti gli altri oggetti della stanza del filmato sarebbero facili da ottenere da un negozio specializzato.

9. Il Fortean Times (FT) scrive: "II 22 agosto, FT ha ricevuto una busta contenente tre stampe in bianco e nero che mostravano qualcuno che ritoccava la testa di un "alieno" con una spazzola e cosmetici. La testa era assai simile a quella dell'alieno nel film di Santilli, ma un esame più rigoroso è necessario prima di saltare alla conclusione che queste foto provano la falsità del filmato. Sia le foto sia il filmato potrebbero essere opera di un bravo dilettante che non ha potuto resistere a una sfida. Non abbiamo idea dell'origine di queste foto o del perché ci siano state inviate". Le foto sono state pubblicate su FT83 (ottobre 95) e FT84 (dicembre 95)".

10. Ed Uthman, un patologo di Houston/Richmond nel Texas, ha fatto le seguenti osservazioni:

- Qualsiasi anatomopatologo coinvolto in un caso simile sarebbe stato ossessionato dal desiderio di documentare le scoperte e le avrebbe sistematicamente mostrate ad ogni passo: come lavoravano le giunture, come e se si chiudevano le palpebre, etc.. Avrebbe chiesto al cineoperatore di spostarsi ora qua ora là. Invece l'operatore è stato completamente ignorato, come se non fosse stato presente.

L'anatomopatologo si comportava più come un attore davanti a una cinepresa che come uno studioso desideroso di documentare il proprio lavoro cooperando con l'operatore.

- Il sezionatore usava le forbici come un sarto, non come un anatomopatologo o un chirurgo. Teneva le forbici con indice e pollice invece che con pollice e medio o anulare come usano fare i medici. L'indice è usato per stabilizzare le forbici e spingere le lame.

- Il modo in cui sono state effettuate le prime sezioni nella pelle era un po' troppo hollywoodiano, con troppa cautela, come se si stesse operando un paziente vivo. Le sezioni autoptiche sono più profonde e veloci.

- Mi aspetterei che la pelle di una specie dotata di endoscheletro fosse elastica. Invece quando venivano fatti i tagli, la pelle dell'alieno non si ritraeva dalla lama.

 

...........rurgo tedesco e uno dei fondatori della International Roswell Initiative, ha messo in rilievo i punti che seguono:

- Se si fosse effettuata una prima autopsia a Roswell e la dissezione finale (nel film di Santilli) fosse stata condotta in un altro luogo, le suture della prima autopsia avrebbero dovuto esser visibili durante la seconda autopsia. Non lo erano.

- I vestiti dei dottori non potevano servire per proteggersi dalle radiazioni o dall'odore di un corpo in decomposizione o da virus o batteri sconosciuti. In tutti questi casi sarebbe stato necessario dotarsi di apparecchi respiratori per proteggersi dagli organismi trasportati dall'aria.

È probabile che gli strani paludamenti dei dottori avessero un altro scopo: nascondere la loro identità.

12. Infine, è stato individuato un elemento che fa pendere pesantemente il piatto della bilancia verso la frode: un telefono. O meglio, un modello di telefono che, all'epoca in cui si sarebbe svolta l'autopsia ripresa (il 1947), ancora non era stato inventato!

  • Il telefono a muro con il filo a spirale che si vede nel filmato, infatti, è stato introdotto negli Stati Uniti dalla AT&T solamente nel 1956.
  • È probabile che gli strani paludamenti dei dottori avessero un altro scopo: nascondere la loro identità.

12. Infine, è stato individuato un elemento che fa pendere pesantemente il piatto della bilancia verso la frode: un telefono.

O meglio, un modello di telefono che, all'epoca in cui si sarebbe svolta l'autopsia ripresa (il 1947), ancora non era stato inventato!

Il telefono a muro con il filo a spirale che si vede nel filmato, infatti, è stato introdotto negli Stati Uniti dalla AT&T solamente nel 1956.