Falsi paranormali: ecco i vincitori

Le fotografie e i filmati di fenomeni in apparenza misteriosi che hanno partecipato al concorso del CICAP durante il World Skeptics Congress

Eccoci dunque alla premiazione del concorso "falsi paranormali" indetto in occasione del World Skeptic Congress tenutosi lo scorso ottobre ad Abano Terme. Ci scusiamo con i partecipanti per il ritardo nella pubblicazione dell'esito, ma volevamo essere sicuri di poter dare il giusto spazio a tutti sulla rivista.

Dal materiale arrivato abbiamo scelto cinque fotografie e tre filmati video.

Sezione Fotografica


Non è stato facile scegliere il vincitore né per questa categoria né per quella dei filmati; in particolar modo, due sono le foto tra le quali la giuria si è praticamente divisa a metà. L'originalità di una foto che potrebbe riportare un nuovo "effetto paranormale" e la riproduzione invece di uno dei più classici falsi del paranormale. Da qui la decisione di assegnare il primo premio a due partecipanti pari merito: a Guido Marangoni (la cui foto è riprodotta in questa pagina), per la simpatia del testo che accompagna la sua immagine e per essere riuscito a riprodurre in maniera perfetta un classico falso ufologico, e a Lorenzo Bettio (in alto a sinistra nella pagina precedente) per l'originalità e la realizzazione tecnica e artistica della foto. I due vincitori vincono due anni di abbonamento di Scienza & Paranormale e riceveranno una copia a testa, firmata da Piero Angela, di Viaggio nel mondo del paranormale. Tre, poi, le foto che abbiamo ritenuto meritassero una segnalazione: un bellissimo esempio di pareidolia in una foto scattata da Serena Aquaro; un bambino che cammina sulle acque di Roberto Curiale (foto che, ci confida, è stata ottenuta per puro caso...) e infine una donna senza ombra di Francesco Morena. Tre foto che dimostrano come sia facile credere di avere in mano un autentico fenomeno paranormale: sia che sia dovuto a un evento naturale, casuale o voluto e contraffatto.
image


Padova, 11 settembre 2004: Non ci crederete, ma ero nel mio giardino e pensavo a quale diavoleria mi potevo inventare per partecipare al concorso CICAP. A un certo punto, immerso nei miei pensieri, vengo richiamato dai lamenti del mio cane che piangeva: spaventato e molto sofferente si era riparato sotto la mia auto! Stava veramente male e aveva proprio paura, ma non capivo di cosa... Dopo qualche istante perse i sensi! In quel momento ho realizzato che anche gli uccelli non cantavano più, il vento si era fermato e c'era un silenzio irreale. Ho alzato lo sguardo e fermo immobile nel cielo ho visto un oggetto circolare che ruotando a forte velocità su sè stesso rimaneva immobile nell'aria. Lo sapete, sono scettico, non oso neanche pensare a un UFO, ma caspita giudicate voi dalla foto (e non preoccupatevi, la foto è originale…non c'è nessun ritocco). Ero sconvolto e spaventato. Il tempo di correre in casa a prendere la macchina fotografica, chiamare mia moglie e uscire per scattare. L'oggetto aveva iniziato a muoversi e virava verso l'alto (momento della foto), per poi scomparire nel cielo terso a una velocità pazzesca. Anche mia moglie è rimasta letteralmente sconvolta...

image


quando ha scoperto che avevo usato la sua pentola per dolci come frisbee! Mi ha colto con la pentola per dolci sulla mano destra e la macchina fotografica sulla sinistra dicendo: «Tu sei pazzo!» Le mie due bimbe entusiaste urlavano: «Dai, ancora papà ! Lancia la pentola!» Come dite? Il cane? Mai avuto cani io! E vissero scettici e contenti...

Guido Marangoni guido@amani.it .



image

Futuro o passato?
Possibile predire il futuro di una persona con una macchina fotografica? O mantenerla giovane accumulando i segni dell'età su di una fotografia, come un moderno Dorian Gray? Dalla foto sopra sembrerebbe di sì... [Foto di Lorenzo Bettio - Venezia]
'Semplicemente il presente...: La foto è stata ottenuta con una doppia esposizione, su pellicola in bianco e nero, senza alcun ritocco digitale o in fase di stampa. Il segreto sta nel fatto che si tratta di due donne: madre e figlia. Per notare meglio la differenza tra le due donne coprite con un foglio prima una metà della foto e poi l'altra.


image

Pareidolia:il profilo di un Cristo con tanto di corona di spine... non poteva che apparire sul tronco di un ulivo. [Foto di Serena Aquaro - Venezia]

In questo caso nessun trucco, fa tutto la natura aiutata dalla nostra immaginazione (la "pareidolia" è appunto la tendenza del nostro cervello a trovare significati nelle informazioni ambigue).
image

Camminata sull'acqua: «L'ho scattata nell'estate del 2000 a mio figlio Gioele (allora aveva 7 anni) e naturalmente l'effetto e' quello di far sembrare che "cammina sul mare"». [foto di Roberto Curiale - Albano di L. (PZ)]

La foto non ha subito "ritocchi" di nessun tipo, ma, come avrete capito, l'illusione che "cammina sul mare" l'ho ottenuta facendo saltare mio figlio dalla barca e scattando poi, con apertura dell'obiettivo a 1/1000, con una normale reflex.

image


La donna senza ombra: Come si sa uno "spirito", cioè chi è senza corpo, è etereo e non ha ombra! La foto è stata scattata in un normale giorno d'estate con ombre lunghe tipiche delle ore serali (si vede anche quella del fotografo in basso a sinistra). Sembra che la donna sia stata aggiunta successivamente, invece questa è l'impressione data dalla mancanza dell'ombra e la signora era effettivamente presente in quel momento e in quel luogo. La cosa importante è che esiste il negativo di tale foto per dimostrare che è stata scattata con un rullino normale classico. [Foto di Francesco Morena - Campobasso]

In realtà : prima è stata scattata la foto con una macchina digitale, e quindi corretta al computer eliminando l'ombra della donna. Una volta stampata su carta è stata rifotografata con una macchina ottica, e anche di buona qualità , ottenendo il negativo classico... paranormale!

Sezione Video


I video segnalati sono tre, ma stavolta la giuria non ha avuto problemi a individuare il vincitore, nonostante l'ottima qualità delle tre produzioni.

Il primo premio è stato assegnato al video: "Rito Pagano alla Dea - Levitazione", creato da Francesco Busani e Claudio Parmigiani, per la costruzione del contesto e il realismo delle immagini, un po' alla Blair Witch Project.

FILMATO "Levitazione della Dea"
Autori: Francesco Busani e Claudio Parmigiani - Fidenza (PR)

Il Video:
Il video amatoriale, girato nell'estate del 2004, rappresenta una prova inequivocabile dell'esistenza in Italia, di rituali legati al culto della Dea. Un'altra sconvolgente verità sarebbe la levitazione a mezz'aria di una perosona, la Dea appunto, durante tale rito.

La Storia:
Inizia nel giugno 2004, quando M.L. decide di recarsi, verso sera, a fare alcune riprese di animali presenti nel Parco dello Stirone (PR) da utilizzare per un documentario. Dopo essersi avvicinato a una proprietà privata e avere sentito suoni di tamburi, decide di entrare. Quando capisce ciò che sta succedendo si nasconde, cerca di avvicinarsi, accende la telecamera e inizia a girare. Viene quasi subito scoperto e l'intrusione gli costerà una denuncia per essere entrato in una proprietà privata e la distruzione della telecamera che conserverà però buona parte del filmato. Dopo essere stato minacciato per diversi mesi con lettere anonime decide di divulgare il video inviandolo al CICAP.

Costo: 50 euro (mie!) Idea e regia (wow!): Francesco Busani Riprese: Matteo Leva Effetti speciali e location: Claudio Parmigiani, Giovanni Busani, Flavio Basili Attori: Francesca Colinelli, Lazzaro Gambazza, Carlo Paccagnini, Pierluigi Besenzi, Claudio Parmigiani

Le segnalazioni vanno a Stefano Aquino, con la riproduzione di un esperimento di psicolevitazione,''

FILMATO "Psicolevitazione"
Autore e interprete: Stefano Aquino - Roma

Piccolo esperimento di psicolevitazione, risultato di sforzi di ricerca bibliografica, molto impegno e tanta pazienza. Il filmato è una ripresa reale, non ritoccato digitalmente e spero non sia ritenuto irrispettoso, nella realizzazione, da chi fa dell'arte dell'illusione una professione.

Credo che razionalità e magia siano un binomio perfetto, che ci consente di sognare come bambini e di sapere che l'illusione così affascinante e stupefacente è un piacevole inganno. Desidero ringraziare e citare Michael Ammar, il grande prestigiatore americano specializzato in levitazioni, per le sue stupefacenti performance che hanno ispirato questo mio tentativo.

e ad Andrea Zoboli, già vincitore del primo concorso con la riproduzione dell'autopsia all'alieno, questa volta con un video dedicato alle testimonianze ufologiche.

FILMATO "La notte degli UFO"
Autore: Andrea Zoboli - Modena

Il promo di una ipotetica trasmissione che promette testimonianze video straordinarie e interviste di prima mano a testimoni di avvistamenti UFO.