Incostituzionale la legge piemontese

  • In Articoli
  • 02-08-2006
  • di Claudio Pastore
Torino. La Corte Costituzionale ha dichiarato la parziale illegittimitÓ della legge n. 13 del 31 maggio 2004 della Regione Piemonte (Regolamentazione delle discipline bio-naturali). Tale provvedimento prevedeva la nascita di specifici albi per coloro che praticano alcune terapie "alternative". Secondo la Corte, l'istituzione di nuove figure professionali non pu˛ essere decisa dalle Regioni, ma solo dallo Stato.

La vicenda Ŕ molto simile a quanto accaduto due anni fa quando, sempre su ricorso della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Corte Costituzionale aveva dichiarato illegittima la legge n. 25 del 24 ottobre 2002 della Regione Piemonte (Regolamentazione delle pratiche terapeutiche e delle discipline non convenzionali); anche in quel caso, la causa dell'illegittimitÓ era indicata nell'essere la materia di competenza dello Stato e non delle Regioni.

La prima (n. 353/2003) e la seconda (n. 424/2005) sentenza sono disponibili integralmente sul sito del CICAP Piemonte www.cicap.org/piemonte ).

Claudio Pastore