Medicina ayurvedica. È in circolazione da mille anni, ma funziona?

  • In Articoli
  • 23-04-2020
  • di Marc Carrier
img
Wellcome collection
Traduzione di Mauro Fenzio

Immagina di consultare un medico che sceglie di accantonare più di due secoli di progressi medici a favore della “scienza” dei Greci e dei Romani dell’antichità. Nessuna moderna tecnica diagnostica (raggi X, risonanza magnetica, esami del sangue, scansioni TAC, eccetera). Nessuna terapia frutto di ricerca rigorosa. Questo medico si concentra, invece, sui tuoi “umori”, le forze vitali che nell’era prescientifica si presumevano essere al centro della fisiologia umana (bile nera, bile gialla, catarro e sangue). Alla fine della visita, questo medico ti suggerisce di consumare una miscela di erbe e cantare un mantra “curativo”. Questo è il modo in cui i professionisti ayurvedici trattano milioni di pazienti in tutto il mondo.

Rivelato alla divinità indù Brahma[1], l’Ayurveda - che si può tradurre approssimativamente come “conoscenza della v[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.