Spiriti inquilini

image
Le case "infestate" fra palcoscenici e tribunali
di F. Zingaropoli e C. Lombroso
a cura di Gabriele Mina
Besa Editrice, 2008
pp. 164, E 13,00 Nel 1907 la Pretura di Napoli si occupa di una risoluzione di contratto di affitto. Nulla di strano, se non che l'inquilina, la Duchessa di Castelpoto, non intende pagare la proprietaria, la baronessa Englen, a causa delle inquietanti manifestazioni spiritiche che si verificherebbero nella casa. Sulla natura di questi spiriti molesti e sui diritti degli inquilini disserta il difensore della duchessa, l'avvocato Francesco Zingaropoli. Accanto ai brani più felici delle Case infestate dagli spiriti di Zingaropoli (1917) il curatore di questo libro affianca le note "sulle case infestate" di Cesare Lombroso. Celebre criminologo, autore di Delitto, genio e follia, ma anche grande cultore dello spiritismo, Lombroso è qui alle prese con un'osteria infestata di Torino. Una pagina di costume "pre-Eduardo", di una società divisa fra sedute spiritiche, spettacoli medianici, tribunali. A corredo del volume una serie di contributi, curati da diversi ricercatori, che rileggono i motivi della casa perturbante alla luce dei campi più differenti: il diritto nelle case infestate, la stagione dell'occulto psichico, i fantasmi teatrali, le architetture cinematografiche. Una lettura interessante, divertente e suggestiva per tutti coloro che intendono approfondire l'argomento delle presunte "case stregate" e delle suggestioni che vi circolano intorno.