Le sorelle Fox: origini dello spiritismo

All'inizio era solo uno scherzo per spaventare nostra madre. Poi, quando venne così tanta gente, ci spaventammo e continuammo.

  • In Articoli
  • 04-05-2010
  • di Giuliana Galati
Hydesville, New York, 1848. Le giornate trascorrono monotone per due giovani sorelle, Margaret e Kate Fox, di 14 e 12 anni, che sono costrette in casa a causa delle manie da eremita del padre, senza possibilità di svago e divertimento, né risorse intellettuali.

Ma una sera, mentre la famiglia Fox si preparava per andare a dormire, in casa cominciarono a sentirsi colpi misteriosi, di cui nessuno riusciva a scoprire la provenienza. I colpi, detti raps, continuarono anche le sere seguenti, impaurendo sempre più la signora Fox, che fin da subito aveva attribuito loro un'origine soprannaturale. Una sera in cui i colpi erano più forti del solito i genitori si precipitarono nella stanza delle bambine, sentendo Kate pronunciare queste parole: "Here Mr Splitfoot, do as I do" ("Ecco signor Piedebiforcuto, fai come me"). Dopo di che la ragazzina schioccò le dita e un numero uguale di colpi arrivò in risposta. Iniziò così il "dialogo" con lo spirito, che si rivelò capace di rispondere correttamente, tramite i colpi, a tutte le domande che la signora Fox, fortemente impressionata, formulò in quel momento.

La notizia si diffuse velocemente: appena due giorni dopo il primo contatto 500 persone invasero la casa, il giardino e le strade circostanti, desiderose di parlare con lo spirito. Il paese era in subbuglio.

In questo modo ebbe inizio il movimento dello spiritismo, da quello che, quarant'anni dopo, Margaret definirà un «orribile inganno».

Il "merito" di aver reso Margaret e Kate famose in tutta America si deve però all'intraprendente sorella trentacinquenne Leah che, avendo capito subito che le due bambine utilizzavano un trucco per produrre i colpi, fiutò l'affare che poteva fare. Convinse la famiglia a trasferirsi nella più grande Rochester e iniziò a invitare decine di persone a partecipare alle sedute spiritiche. Intanto, infatti, Maggie e Kate avevano scoperto di essere in grado di mettersi in contatto con gli spiriti di tutti i trapassati e avevano sviluppato anche un modo più rapido per comunicare con loro: la cosiddetta "scrittura automatica".

Chi partecipava ad una seduta si sentiva in obbligo di ricambiare il favore con regali o somme di denaro. Leah aveva fatto centro: le due bambine, col loro segreto, valevano una fortuna. Maggie e Kate, però, non desideravano collaborare ai progetti della sorella maggiore e non condividevano la piega che il loro scherzo aveva preso. Decisero così di sfidare le ire di Leah ponendo fine alla messinscena. Gli spiriti, attraverso i soliti colpi, comunicarono il loro addio e la casa si svuotò di tutti i clienti che ogni giorno la frequentavano. L'interesse per le sorelle scomparve rapidamente, insieme ad amici, ammirazione e entrate di denaro. Le due bambine si resero ben presto conto di tutto quello che avevano perso e pochi giorni dopo si lasciarono convincere dalla sorella e dai clienti a riprendere le sedute: con grande felicità di tutti gli spiriti erano tornati!

Il lettore che non conosce la storia delle sorelle Fox si starà chiedendo quale fosse il trucco utilizzato per produrre i colpi. Ecco la confessione che la stessa Margaret Fox rilasciò nel 1888: «Penso sia ormai ora che la verità su questo miserabile argomento, lo "spiritismo", sia rivelata. È un movimento ormai diffuso in tutto il mondo, e a meno che non venga abbattuto presto farà gran male. Io fui la prima in questo campo e ho il diritto di smascherarlo. Mia sorella Kate ed io eravamo delle bambine molto piccole quando quest'orribile inganno iniziò. [...] (All'inizio era solo) un semplice scherzo per spaventare nostra madre, e poi, quando così tanta gente venne per vedere noi bambine, ci spaventammo e continuammo. [...] Fummo spinte (a questo inganno) da mia sorella intenzionalmente e da mia madre involontariamente. [...] I colpi sono semplicemente il risultato di un perfetto controllo dei muscoli della gamba, sotto il ginocchio, che controllano i tendini del piede e permettono movimenti delle dita dei piedi e delle ossa delle caviglie che non sono comunemente noti. Un tale controllo perfetto è possibile solo quando un bambino comincia da piccolo e continuamente allena con cura i muscoli che crescono ancora negli anni più avanzati. [...] Con il controllo dei muscoli del piede, le dita possono essere battute sul pavimento senza alcun movimento percettibile all'occhio. [...] Questa dunque è la semplice spiegazione del metodo dei colpi e dei rumori».

Ma davvero tutti presero per genuini i contatti delle due sorelle con l'aldilà? Che controlli ci furono per evitare imbrogli?

Anche all'epoca non mancarono gli scettici. Il fenomeno però era assolutamente nuovo ed esaminare i paragnosti non è un compito facile senza avere già esperienza nel campo.

Nel novembre del 1849, Maggie e Leah avevano affittato la più grande sala della città per tre serate di dimostrazione pubblica, alle quali parteciparono, in totale, 1200 persone.

In quell'occasione un primo comitato improvvisato tentò, con inutili test, di verificare i poteri delle sorelle. I test consistevano soprattutto in domande agli spiriti e le risposte, seppur vaghe o opinabili, impressionarono gli esperti. Tuttavia la prima sera un pastore dimostrò sul palco come ottenere gli stessi colpi utilizzando le dita dei piedi.

Il comitato allora fece sedere Maggie e Leah su dei cuscini con i piedi scoperti, ma i colpi si udirono ugualmente!

Furbamente, infatti, le due Fox avevano chiesto aiuto ad un'assistente che, nascosta sotto il palco, batteva sulle assi con il manico di una scopa.

Al termine delle tre serate, il comitato dichiarò autentici i fenomeni in quanto nessuna traccia di frode era stata trovata.

Anche durante le sedute a casa Fox non mancarono atteggiamenti scettici, ma ogniqualvolta ciò accadeva lo scettico veniva fatto immediatamente allontanare in quanto la sua presenza «non era gradita agli spiriti» che, pertanto, si rifiutavano di manifestarsi.

Questo stratagemma è probabilmente ancora oggi il più diffuso tra tutti i paragnosti: se i controlli sono troppo stretti, e quindi impediscono ogni tipo di imbroglio, i fenomeni non si manifestano perché gli scettici producono "vibrazioni negative".

«A controllo 0 il fenomeno è 100 mentre, quando il controllo è 100, il fenomeno è 0», sintetizza efficacemente Piero Angela nel suo libro Viaggio nel mondo del paranormale.

Le critiche degli scettici non minarono il movimento e non intaccarono la gloria delle sorelle Fox e degli altri medium. Sempre più persone, infatti, si scoprivano in grado di comunicare con gli spiriti. Si conta che 5 anni dopo ci fossero già 30.000 medium.

La gente era pronta a pagare cifre altissime in cambio di un contatto con i propri cari defunti: gli incassi delle sorelle Fox superavano i cento dollari al giorno, una cifra incredibile per l'epoca.

A 54 anni Margaret confessò che lo spiritismo era tutto un imbroglio, dando una dimostrazione pubblica di come riusciva a produrre i colpi.
image

Kate confermò le dichiarazioni della sorella.

Al pubblico, però, non piace scoprire di essere stato preso in giro, soprattutto quando a farlo sono state due bambine, e molti, piuttosto che accettare il dato di fatto, preferirono continuare a negare l'evidenza.

Esemplificativa di quella che viene chiamata «sindrome del credente» è la dichia-razione che rilasciò il presidente della prima società spiritista di New York H. J. Newton: «L'idea di affermare che gli invisibili rumori possano essere prodotti con i legamenti dei piedi è assurda! Se lei [Margaret, N.d.A.] dice così, anche riferendosi alle sue stesse manifestazioni, mente! Io e molti altri uomini di verità e di una certa posizione abbiamo assistito alle manifestazioni sue e della sorella molte volte in circostanze in cui era assolutamente impossibile che ci fosse stata la minima frode».

I medium, che invano avevano tentato di impedire alle Fox di divulgare la loro confessione, sostennero che i propri fenomeni, al contrario di quelli delle Fox, erano autentici.

Le vite di Maggie e Kate si conclusero nella miseria e nell'alcool.

L'avida Leah, non esitò, imparati alcuni semplici trucchi e diventata famosa, a voltare le spalle alle sorelle minori nel momento del bisogno.

Nella confessione di Margaret si legge: «Lo spiritismo è una frode del peggior tipo. [...] Considero un mio dovere, una missione smascherarlo. Voglio vedere il giorno in cui sarà interamente finito. Dopo che mia sorella Kate ed io lo avremo smascherato, spero che allo spiritismo sia dato un colpo mortale».

Ma ormai, purtroppo, il gioco che avevano iniziato da bambine era sfuggito loro di mano e non c'era più modo di controllarlo: lo spiritismo, infatti, sopravvive ancora oggi.