Regge e Dyson

Con una decisione per molti forse inattesa il Premio Templeton è stato assegnato a Freeman J. Dyson, ben noto anche in Italia per le sue ricerche sulla elettrodinamica quantistica (QED) ma anche per la sua intensa attività pubblicistica. Per chi non lo sapesse il Templeton viene a volte chiamato il "Nobel della Religione". Sono stato collega e vicino di ufficio di Dyson durante quasi 20 anni di permanenza all'Institute for Advanced Studies di Princeton e la notizia non mi stupisce poi molto, Dyson ha sempre avuto interessi culturali a vasto raggio. Ho letto con grande interesse il suo discorso di accettazione per capire esattamente fino a che punto è religioso, argomento su cui ha sempre mantenuto un certo riserbo. La mia netta impressione è che al tempo della Santa Inquisizione Dyson sarebbe finito diritto al rogo assieme a Giordano Bruno.
Dyson preferisce le buone azioni alla teologia e non è tanto disposto a giurare sulla autenticità delle sacre scritture, come tutti noi ha una sua metafisica personale. Il filosofo Giovanni Gentile, ideologo di Mussolini, soleva dire che tutti abbiamo una filosofia, per lui si trattava solo di scegliere tra filosofia buona e filosofia cattiva. La sua era per definizione buona ma debbo ancora incontrare un filosofo che disprezzi la propria filosofia.
Non penso che il CICAP debba necessariamente esprimere giudizi sulla metafisica altrui, la sua missione è quella di controllare le affermazioni sul paranormale, o se si vuole l'esistenza di fenomeni al di là dei limiti della scienza attuale. Le convinzioni religiose di Dyson hanno nulla a che fare con questi fenomeni e asserzioni. Sul web è anche rimbalzata la polemica (qui ripresa), scatenata dai cibi transgenici, tra il Principe Carlo D'Inghilterra e il mondo accademico tra cui il Prof. Dawkins di Oxford che accusa il Principe di ostilità verso la scienza.
A rigore i cibi transgenici nulla hanno a che fare con gli scopi del CICAP che lascia una decisione in proposito alle coscienza individuali. Esiste tuttavia una forte correlazione tra la metafisica della New Age e del paranormale e l'avversione verso le biotecnologie e il progresso scientifico che ci preoccupa e a cui dobbiamo rispondere adeguatamente non perché sia una metafisica, ma per diritto alla difesa.

Tullio Regge
Fisico, Politecnico di Torino
Garante Scientifico del CICAP

 

 

Categorie

Sullo stesso argomento

Prometeo