Piero Angela assolto: omeopati K.O.

L'omeopatia non è una cura seria, ora si puo' dire. L'accusa di diffamazione a mezzo stampa rigettata dal giudice «perche' il fatto non sussiste»

Roma. 13 Marzo - Assoluzione piena per Piero Angela, "perché il fatto non costituisce reato". La sentenza viene oggi dal Tribunale di Catania, chiamato a decidere su un servizio di SuperQuark in cui venivano espressi giudizi sulla medicina omeopatica. Servizio che ha valso, al famoso giornalista televisivo, l'accusa di diffamazione a mezzo stampa. La sentenza fa seguito a una precedente assoluzione del giornalista, sempre in tema di omeopatia, in un processo civile in cui i medici omeopati erano stati condannati a pagare le spese.

Nel servizio contestato, risalente al 2001 e firmato dal collega Giangi Poli, veniva affermato: "L'omeopatia non è una cosa seria. Il rischio di curarsi con tale medicina non convenzionale è molto grande per i pazienti che hanno malattie gravi e soprattutto progressive". E ancora: "I benefici presenti dell'omeopatia sono dovuti all'effetto placebo, cioè sostanze che non contengono alcun principio attivo, definite anche "acqua fresca". Spesso il beneficio è del tutto psicologico e ipotetico e c'è il rischio che vengano somministrati pseudo farmaci dei quali non si conosce il contenuto e che possono provocare anche reazioni allergiche".

"È importante che il tribunale abbia ammesso che non è diffamazione dire che l'omeopatia non è una cura seria" ha detto Piero Angela. "Mi aspettavo - sottolinea Angela - che fosse riconosciuto il fondamento di quello che è stato detto nel servizio, dell'omeopatia non è mai stata provata l'efficacia e tutta la comunità scientifica non ne riconosce la validità".

Per saperne di più

  1. Omeopati: prima sconfitta
  2. Omeopati contro Piero Angela: inizia il processo
  3. Omeopati offesi citano Angela in tribunale
  4. Lo speciale omeopatia del CICAP