Nella prospettiva della comunicazione del rischio: Giancarlo Sturloni

img
Ad aprile hai scritto un articolo su Wired parlando di ciò che non ha funzionato nella comunicazione del rischio durante la pandemia di COVID-19. Hai affermato che il primo errore è stato nella comunicazione relativa al lockdown, il primo passo falso di una serie di passi falsi da parte del Governo.

Farei un ulteriore passo indietro. Secondo me le cose che hanno pesato più di tutte sono due: la prima è il fatto che non sia stata pianificata la gestione dell’emergenza, e di conseguenza neanche la comunicazione durante l’emergenza. Per poter funzionare, la gestione dell’emergenza ha bisogno di essere preparata in tempo di pace, e questo vale anche per le attività di comunicazione. Nel momento in cui si delineano gli scenari di rischio pandemico e si pianificano le risposte, queste devono riguardare non solo come attrezzare gli ospedali o produrre le mascherine, ma anche cosa è [...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.