Matematica ed epidemie

  • In Articoli
  • 23-04-2020
  • di Davide Palmigiani e Davide Passaro
img
Figura 1: grafico che riporta il numero dei contagi di Coronavirus COVID-19 al variare nel tempo alla data del 25 febbraio
[1]

Come si diffonde un’epidemia? Che tipo di andamento è possibile aspettarsi nel tempo? Come si diffonde geograficamente? È possibile fare delle previsioni a partire dai dati di cui si dispone?

Queste domande, e più in generale il tema delle epidemie, sono diventate di grande attualità quando dalla seconda metà di gennaio in Cina si è iniziato a parlare della diffusione del Coronavirus COVID-19. Quando poi, a partire da fine febbraio, anche in Italia ci sono stati i primi focolai di infezione questo è purtroppo diventato uno degli argomenti più discussi sui media e nelle case degli italiani.

La risposta alle domande iniziali non è banale e certamente non può essere contenuta in questo articolo.

Se però un messaggio deve passare, è che ci sono strumenti per studiare la diffusione del contagio e questi strumenti di tipo statistico matematico si affiancano a quelli usati in campo medico e[...]







L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.