Un ponte sul gap scientifico

  • In Articoli
  • 28-03-2001
  • di Verlaag Lee Trynor

Si è svolto tra il 23 e 25 maggio 1997 a Pasadena, in California, il Quinto Congresso della Skeptic Society.

Il gap scientifico può essere definito come la differenza tra chi si serve del metodo scientifico per giungere a una forma di conoscenza attendibile e chi rifiuta questo modo di procedere. La sessione principale è iniziata con Frank Miele, caporedattore di Skeptic, che ha ripreso la domanda rivolta da Pilato a Gesù: "Che cos'é la verità?", esaminando l'evidenza storica dell'esistenza sia di Gesù che di Pilato. Ha distinto tra verità strumentale, che consiste in affermazioni significative con conseguenze verificabili, e verità morale, legata a ciò che dovrebbe essere, e ha presentato la questione ormai classica di Gesù (le interpolazioni in Flavio Giuseppe, la mancanza di fonti contemporanee) e il più recente caso di Pilato (l'iscrizione di Cesarea). In conclusione, ha affermato che lo scetticismo implica sperimentazione, tolleranza, umiltà e responsabilità.

Il relatore successivo, con il motto: "Non sapere ciò che è capitato prima di essere nati è rimanere bambini per sempre", si è esibito in una notevole prova di acume. Da quando ha postulato come antenato comune dell'uomo e dei primati un essere simile a uno scimpanzé esistito circa 5 milioni di anni fa, il professore di antropologia Vincent Sarich si diletta di emozionanti controversie. La sua relazione durante il congresso non ha fatto eccezione. Le sue sfide includono la correlazione negativa fra la fede nel libero arbitrio e la malattia mentale, l'esistenza del tabù evolutivo dell'incesto e il significato delle differenze razziali fra gli uomini. Le controversie sono, secondo il suo parere, parte del pensiero scientifico, e l'atteggiamento scettico è un modo per dirimerle. Sarich non ha avuto, comunque, gioco facile nel far accettare i suoi punti di vista, come indicato da un paio dei suoi interlocutori.

Uno dei temi di maggior importanza è stata la questione dello status scientifico della storia. Frank Miele ha mostrato fino a che punto si può fare storia senza statistiche, e Vince Sarich la facilità e la contemporanea difficoltà di interpretarla quando se ne hanno. Michael Shermer ha proseguito discutendo due considerazioni della storia sostanzialmente conflittuali: il fatto che essa debba essere una scienza esatta come la fisica, mentre, contemporaneamente, il punto di vista dello storico è una verità vaga o solo una collezione di opinioni personali deformate dall'influsso dell'ambiente dello storico e senza indicazione sicura di ciò che è veramente accaduto. Ha concluso con un panorama delle novità del suo ultimo libro e con l'osservazione che la scienza interessa ai media esattamente come il paranormale, ma solo nelle sue forme più strane (un pollo che subisce l'imprinting di un papero ecc.). E ha indicato quanto sia facile per uno spettacolo televisivo affezionarsi ai propri slogan, concludendo: "Che differenza c'è tra una moda e una religione? Circa 100 anni".

Dopo aver annunciato, l'anno scorso, il sorgere della James Randi Educational Foundation (JREF), Randi è tornato a descriverne i progressi. Gli uffici lavorano ormai a pieno ritmo — particolarmente in termini di editoria elettronica — per fornire gli scettici di tutto il mondo di fonti di informazione. La copertura finanziaria offerta dal Club 2000 ha superato il milione di dollari per chiunque produca un fenomeno paranormale in condizioni di controllo. Randi si sta ora occupando del "Tocco Terapeutico", una pratica infermieristica pseudo-scientifica con oltre 80.000 praticanti negli USA è una versione americana della pranoterapia.

Curiosamente, l'opposizione alle indagini di Randi è causata in parte dal fatto che il TT concepisce se stesso come un Contributo femminista alla pratica medica. C'è da meravigliarsene, visto che le donne possono oggi accedere alla normale professione medica. Il JREF sta organizzando un congresso in Florida per il 31 ottobre prossimo. Infine, in vista del numero sempre crescente di organizzazioni scettiche professionali, Randi ha rivolto un appello a tutti affinché si lavori insieme per diffondere il messaggio scettico.

Ma chi è uno psicologo? Chi fa esperimenti sul comportamento o un "terapeuta?". Questa domanda è stata rivolta ai congressisti dalla psicologa Carol Tavris. Ci sono due aree in cui gli psicologi possono effettivamente essere d'aiuto al prossimo: la modifica del comportamento cognitivo e la consulenza in situazioni di dilemma morale o scelta personale. Al di là e al di qua di queste aree c'è un mercato senza regole di psicoterapie in cui si può trovare di tutto, dal training e la qualificazione professionale a metodi di verifica delle ipotesi. Come esempi di "fantascienza sociale" ha citato la Comunicazione Facilitata (priva di basi scientifiche) e i test proiettivi (come il test delle macchie di Rorschach: ininterpretabile, inutile e inefficace perla diagnosi). È stata data enfasi al ruolo delle cosiddette memorie "riemerse": anche se esse possono avere un ruolo utile nella terapia ciò non significa che siano efficaci come diagnosi.

Una delle due conferenze più importanti è stata quella dello storico della scienza Frank Sulloway, critico a proposito del metodo storico finora usato. Sulloway è forse meglio noto per il suo libro Born to Rebel in cui esamina i fattori che influenzano il comportamento rivoluzionario (nella scienza come in politica), e conclude che la classe di età è più importante come fattore rispetto alla classe sociale. Usando metodi statistici sui risultati cui gli storici sono pervenuti, nonché materiale storico autonomo, gli è possibile risolvere dibattiti apparentemente giunti a un punto morto. Ha elencato un numero di falsi postulati e obiettivi della storia tradizionale che hanno precluso finora l'impiego di metodi statistici e ha dimostrato come, con tali sistemi, le note ornitologiche di Charles Darwin possono essere datate in base alle variazioni di spelling, al luglio 1836, e anche la paternità della Carta Federale può essere determinata dall'analisi del contenuto. Sulloway ha ricevuto lo Skeptic Society Randi Award come Scettico dell'anno. Altri vincitori del premio sono stati l'astronomo John Mosley (Gardner Award per la Critica Scettica), l'astrofisico Tom McDonough (Premio Spinoza per gli Studiosi Scettici) e il giornalista Pat Morrison (Premio Murrow per lo scetticismo nei media).

La sessione di premiazione è stata introdotta da Randy Cassingham (celebre per This Is True), che ha assegnato il premio Scemenza alla Microsoft Corporation per perle di saggezza nei sinonimi: "civilizzato" per "occidentale", "pervertita" per "lesbica" e "cannibale/selvaggio" per "indiano" nella localizzazione in spagnolo del dizionario di Microsoft Word.

L'altra conferenza di maggior spicco è stata l'esposizione molto succinta, da parte del fisiologo Jared Diamond, del perché europei e asiatici sono riusciti a conquistare il resto del mondo e non viceversa. I dettagli possono essere esaminati più agevolmente nel suo libro Guns, Germs, and Steel: The Fate of Human Societies.

Diversi aspetti di questo congresso potrebbero essere sottolineati; ne ricorderò uno: gli interessi scettici non sono limitati al "mistero" puro e semplice.

Il paranormale ha certo avuto il suo spazio. Ma l'impulso principale a questo incontro è stato dato da questioni di interesse ben più generale: l'antropologia deve ignorare le differenze fra i gruppi umani?

Perché persone utili e comprensive come gli psicologi dovrebbero sottoporsi a un iter accademico? E necessario usare la statistica per capire la storia?

Queste sono domande di grande importanza. Senza dubbio le rivedremo riprese nei futuri incontri della Skeptic Society.

Verlag Lee Traynor

Traduzione a cura di Massimo Manca

Categorie

Sullo stesso argomento

Prometeo