Breve storia di un commesso viaggiatore

  • In Articoli
  • 19-02-2022
  • di Davide Palmigiani e Davide Passaro
Con tutta probabilità, quando nel 1949 Arthur Miller scrisse Morte di un commesso viaggiatore, la sua più opera più celebre, non sapeva che l'idea di usare un "commesso viaggiatore" per descrivere un problema era in realtà venuta anche ai matematici.

Julia Robinson, proprio nello stesso anno, scrisse un report per la Rand Corporation in cui utilizzava la terminologia "Traveling Salesman Problem" (TSP) per indicare un dilemma che dal punto di vista matematico ha una storia più antica.

Mentre Morte di un commesso viaggiatore è un'opera teatrale fra le più amate del '900 in cui si affronta la crisi del sogno americano, il "problema del commesso viaggiatore" cerca di trovare il cammino più breve che un viaggiatore deve percorrere per visitare tutte le città in una regione. Quindi le similitudini probabilmente sono limitate al nome, per&og[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.
accessToken: '2206040148.1677ed0.0fda6df7e8ad4d22abe321c59edeb25f',