La tragica storia delle trote pelose

  • In Articoli
  • 04-06-2018
  • di Lisa Signorile
img
Vecchia cartolina raffigurante una trota impellicciata ©www.paleogreetings.com
I primi resoconti sull’esistenza dell’enigmatica “trota impellicciata” risalgono alla mitologia islandese. Il Lodsilungur (che significa “trota arruffata”) è un pesce aberrante creato da demoni e giganti per punire gli umani e le cui scaglie sono sostituite da pelo. La trota si troverebbe infatti a volte in grandi quantità nei fiumi e nei laghi islandesi e sarebbe così tossica da non essere consumata neanche da cani o rapaci. Un resoconto di seconda mano di un avvistamento di questa trota pelosa islandese ci viene da un articolo sulla Scottish Review del 1900[1]. L’autore, Olaf Davidsson, riporta di una illustrazione apparsa sul giornale locale Nordri nel 1855, a seguito del rinvenimento di un esemplare sulla costa del lago Svinavatn, nel nord dell’Islanda. Secondo Davidsson l’illustrazione ritraeva una trota perfettamente normale, salvo che per dei peli rossicci sulla mandibola inferior[...]
L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.