La storia dell'unicorno ritrovato: l'okapi

Questa che vi voglio raccontare è una storia vera, la storia di una creatura mitologica di cui si è a lungo mormorato, disperatamente cercata e poi finalmente ritrovata. Perché per quanto accada raramente, qualche volta persino i criptozoologi hanno ragione. In questa vicenda, oltretutto, compaiono dei mostri, anche se non sono i mostri che di solito popolano queste storie al confine tra leggenda e realtà.

La storia inizia con un bambino che sogna mentre guarda fuori dalla finestra. Sogna, e immagina grandi cose, ampi spazi, campi verdi, foreste buie e oceani profondi. L’edificio che ospita quella finestra, e da cui si vede in effetti solo un cielo grigio, è una workhouse vittoriana, uno di quei posti a metà strada tra l’orfanotrofio e il campo di concentramento che sono stati così ben descritti da Dickens. Il bambino sogna grandi cose per non pensare alla fame e agli abusi sessu[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.