Bias cognitivi: la mente obliqua

  • In Articoli
  • 21-11-2019
  • di Roberto Cubelli e Sergio Della Sala
img
Dal prossimo numero di Query, pubblicheremo una rubrica dedicata ai bias cognitivi, a cura di Sergio Della Sala e Sara Pluviano. In questo articolo, Cubelli e Della Sala ci introducono al tema e alle ragioni che spiegano la scelta di dedicargli uno spazio specifico sulla rivista.

I bias cognitivi sono di moda, ne parlano in tanti (ricercatori, divulgatori, giornalisti, anche al CICAP se ne discute), tutti li invocano per spiegare i comportamenti che appaiono erronei, inattesi o addirittura irrazionali. Manca, però, una definizione chiara e condivisa di bias cognitivo. Parafrasando Metastasio che parlava della fede degli amanti, «Che ci siano, ciascun lo dice; cosa siano nessun lo sa». Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Luciano Mecacci così descrive la voce “Bias” nel suo “Dizionario delle Scienze psicologiche” (2012): «Termine inglese (letteralmente “linea diagonale”), che indica inc[...]



L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.