Alle radici del fenomeno: capire la percezione degli UFO

  • In Articoli
  • 25-05-2022
  • di Paolo Toselli
img
©Ilaria, 9 anni.
Sempre più sovente ci viene suggerito di non fidarci della testimonianza umana. D’altra parte, ogni giorno noi accettiamo quasi incondizionatamente non solo quello che riteniamo di aver visto coi nostri occhi, ma anche quello che ci viene raccontato dagli altri, più o meno a noi vicini.

Di fatto, da quasi ottant’anni, la maggior parte dei fenomeni UFO è da ricondursi alla testimonianza e ai ricordi di una multiforme quantità di osservatori, di solito casuali, che, proprio per la loro natura umana, sono soggetti a distorsioni di percezione e di memoria. Gran parte degli avvistamenti UFO si può spiegare con incomprensioni di stimoli alquanto prosaici. Tra i soliti sospetti ci sono meteore e rientri atmosferici, corpi celesti (stelle e pianeti), aerei, elicotteri, satelliti artificiali, lanterne cinesi, palloni meteorologici, e così via.[...]

L'articolo completo, come alcuni di quelli pubblicati sugli ultimi 4 numeri di Query, è disponibile solo per gli abbonati. Se vuoi leggerlo per intero, puoi abbonarti a Query Se invece sei già abbonato, effettua il login.
Tutti gli altri articoli possono essere consultati qui . Grazie.
accessToken: '2206040148.1677ed0.0fda6df7e8ad4d22abe321c59edeb25f',